IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Truffe, “moltiplicatori di euro”: due fermi a Savona (le foto dei presunti truffatori) foto

Più informazioni su

Savona. Sono stati fermati poco fa dai carabinieri della Compagnia di Savona due cittadini del Camerum, sospettati di essere possibili truffatori della cosiddetta “moltiplicazione di banconote”, raggiri già smascherati da Moreno Morello nel corso della trasmissione “Striscia la notizia” dopo una serie di episodi avvenuti in tutto il Nord Italia e che ha visto nel mirino delle forze dell’ordine diverse persone africane, in particolare nigeriane, specializzati in questo genere di truffa. I due, Victor S.P.E., e Jean C.Y.N., sono stati fermati con tutta l’attrezzatura necessaria alla falsificazione delle banconote. E’ in corso la loro identificazione.

Il trucco era semplice, secondo quanto emerso da altre truffe perpetrate negli ultimi tempi: banconote del taglio di 100, 200 e 500 euro venivano moltiplicate grazie a dei fogli di carta lavorati con diluente e fissatori chimici, sulle quali era evidente una patina nera mista a polvere granulosa di colore chiaro, spesso avvolti involucri costituiti da cellophane termosaldato, con dimensioni pari a banconote vere, delle quali era possibile intravedere il disegno e la trama.

Tra il kit del moltiplicatore di banconote anche lampade a luce ultravioletta, varie provette e flaconi contenenti sostanze chimiche, guanti in lattice e carta stagnola. I carabinieri della Compagnia di Savona, su diposizione del sostituto procuratore Giovanni Battista Ferro, hanno diffuso le immagini dei due fermati per verificare possibili truffe perpetrate nel savonese con lo stratagemma del “moltiplicatore di euro”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Bandito
    Scritto da Bandito

    Scusa, freholly9, un conto è ricevere per sbaglio dei soldi falsi, un altro è comprare un kit per produrli, in questo caso c’è la volontà di commettere un reato.

  2. Scritto da freeholly9

    bandito scusa non sempre è così! conosco un poverino a cui il distributore del bancomat di una nota filiale bancaria savonese,di venerdi sera alle 21 ha erogato 250 euro di cui 50 falsi,lui si è subito precipitato dai carabinieri per denunciare il fatto ed il risultato sai qual’è?ci ha rimesso 50 euro perchè la banca non ha voluto sentir ragioni.

  3. maver80
    Scritto da maver80

    Mi chiedo come mai questi soggetti dopo avere girato per tutta Itlia siano ancora a piede libero!
    Come si fa a farsi truffare in questa maniera non lo so!

  4. Scritto da gigghy

    in effetti è assurdo che ci sia ancora gente che ci crede, comunque complimenti ai CC sempre attivi e con grandi risultati!

  5. Bandito
    Scritto da Bandito

    Chi ci casca è comunque una persona che vuole produrre e spacciare euro falsi, quindi bisogna arrestare i truffatori e chi viene truffato.