IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Tirreno Power, Pasquale: “Progetto migliorativo, ci aspettiamo il via libera”

Vado Ligure. E’ fiducioso il presidente della Camera di Commercio di Savona Luciano Pasquale sul progetto di ampliamento di Tirreno Power che approderà al tavolo della conferenza dei servizi deliberante a Roma il prossimo martedì 15 marzo. Dopo le indiscrezioni positive trapelate dalla Regione Liguria su una ipotesi di via libera per la centrale vadese, o con due nuovi gruppi o con un nuovo gruppo e la ristrtturazione di quelli esistenti, queste le parole del presidente Pasquale: “E’ un intervento deciso per il nostro futuro economico e mi sembra che le decisioni a livello regionale vadano nella direzione giusta, ovvero sì all’investimento migliorando la capacità produttiva del sito e perseguendo al tempo stesso la strada della tutela ambientale del territorio”.

“Per dimensione e qualità è un investimento che il Savonese non può gettare al vento, e sarà decisivo per tutto il sistema delle imprese e non solo per quelle che saranno direttamente impegnate nella nuova centrale. Tirreno Power ha presentato un progetto migliorativo, con garanzie sul fronte tecnologico-industriale e con gli accorgimenti necessari sul fronte dell’ambiente e del controllo delle emissioni inquinanti” ha concluso Pasquale.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Dimici

    Ma una centrale a gas, oppure una centrale che utilizzi fonti rinnovabili, non abbatterebbe ancora di più le emissioni inquinanti? E’ questo quello che mi chiedo io… Capisco che sia un investimento pesante da sostenere, ma i vantaggi non sarebbero molteplici?

  2. Scritto da Marrasso T.

    CENTRALE NUOVA = MENO EMISSIONI
    CENTRALE VECCHIA= PIU EMISSIONI
    certo non è un concetto semplice da elaborare, ma sono ancora fiducioso.

  3. Scritto da juan

    il piano prevede la completa ristrutturazione dei vecchi gruppi con modifiche ( doppio desox e denox) che portino ad un abbattimento delle sostanze di scarto della combustione oltre il doppio dellattuale quindi ,,per quanto riguarda i 2 gruppi vecchi si avra’ un aumento dell abbattimento delle sostanze inquinanti direttamente sui fumi in uscita…il gruppo nuovo sara’ di tecnologia ultramoderna eanche esso diminuira alla grande le fuoriuscite di materiali inquinanti nell ambiente.risultato….piu’ lavoro e meno immissioni,,,e per piacere …ma fatemi il piacerissimo!!!..

  4. Carlo M.
    Scritto da Carlo M.

    Stiamo parlando di riduzioni di 30% 40% delle emissioni, copertura per paco carbone, nuova rete di controllo modernissima in mano pubblica, investimenti per un miliardo di euro sul territorio. La NIMBY la sindrome non nel giardino di casa mia in Italia è inevitabile, ma credo che lasciare la centrale così sia una follia.

  5. Scritto da meravigliao

    Per il sign forzano.
    Lei sa quanto costa il gas e quanto il carbone?? Si ricorda non poco tempo fa in America quando è esplosa quella centrale a gas??? Lei vorrebbe avere una bomba vicino a casa?? Poi la maggiorparte del gas che arriva in Italia proviene da quei paesi che in questi giorni sono afflitti da scontri e guerre civili! Lei vorrebbe dipendere da quella gente li per produrre energia??? Mah….