IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Tirreno Power, Atzori (Uisv): “Rinvio incomprensibile”

Savona. Il presidente dell’Unione Industriali di Savona Fabio Atzori ha parlato dei tre grandi progetti per l’economia savonese annunciati per il 2011: Maersk, che sembra ormai partire per la fine di marzo, la prima pietra del trasferimento della Piaggio a Villanova d’Albenga ed il progetto di potenziamento di Tirreno Power a Vado Ligure, che proprio oggi ha visto un nuovo rinvio nell’ambito della conferenza dei servizi romana.

“Sì, aspettiamo di vedere partire tutti i progetti prima di cantare vittoria, per Tirreno Power mi sfuggono le motivazioni di questo nuovo e continuo rinvio, è una situazione che va avanti da molto tempo e mi auguro che si sblocchi al più presto. Ci sono le condizioni per unire le ragioni dell’ambiente e dello sviluppo, per questo continuo a non capire…” ha commentato Atzori.

In caso di un rigetto a qualsiasi soluzione progettuale: “L’imprenditore non ricerca le responsabilità o le colpe. L’imprenditore cerca opportunità e questa sarebbe una opportunità persa, anche perchè il problema non è dire no, ma è dire cosa di vuol fare e deciderlo in fretta” ha aggiunto il presidente dell’Unione Industriali.

Quanto al trasferimento della Piaggio: “Da parte di Piaggio c’è la volontà di iniziare l’operazione e così si è impegnata l’azienda, anche se non si può prescindere dalle condizioni del mercato e dal fatto che gli aerei bisogna venderli, altrimenti è difficile investire”.

Infine una battuta sulle aree ex Acna: “Se l’economia riparte possono essere una ottima occasione per lo sviluppo di attività retroportuali, resta tuttavia difficile pensare ad un investimento in una zona morta e non vorrei che anche su questa partita trascorressero tempi biblici in un territorio già in sofferenza” ha concluso Atzori.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. lui la plume
    Scritto da lui la plume

    Il mix di combustiili e’ cosa saggia nessuno ne mette in dubbio l’opportunita’.

    l problema di un mix di combustibili stabilito a livello aziendale dovrebbe tener conto delle varie localizzazioni della azienda.

    Ora per raggiungere tale mix si possono percorrere strade diverse:

    – una e’ quella di ampliare la produzione dove questa e’ gia’ presente
    sfruttando tutte le condizioni “forse” ampiamente obsolete strutture realizzate o pensate negli anni ’50 (tutto invecchia)

    – una diversa soluzione potrebbe essere quella di localizzare la parte di mix carbone in una zona diversa …. una zona con una densita’ abitativa simile a quella che determino’ …. tanti anni fa’ la localizzazione in quel di Vado.

    Strade diverse costi diversi risultati diversi.

    Probabilmente una analisi costi-benefici e’ stata fatta, probabilmente con i parametri “impenditoriali” la scelta di ampliare “in quel di Vado” e’ apparsa la scelta migliore.

    L’altra parte “quella scarsamente rappresentata” la pensa in modo differente.

    Se si avesse il coraggio (virtu’ rara) di riesaminare con parametri differenti le opzioni presenti magari si arriverebbe ad un risultato differente.

    Chi fa’ le analisi costi-benefici non sempre “ci azzecca” spesso i conti vanno rivisti piu’ volte prima di essere ragionevolmente in grado di affermare … “questa e’ la strada migliore”.

    Ma rimettersi in discussione non e’ da tutti ….. sono in pochi a saperlo fare altri si adagiano per anni a rimurginare scelte che il tempo ha decretato complessivamente errate.

  2. Scritto da juan

    e’ proprio vero che parlare senza riflettere su quello che si dice e’ veramente il passatempo preferito di molti…
    ad oggi , la centrale e’ costituita da 2 gruppi a carbone vecchi come il cucco(hanno 40 anni) e un moderno gruppo turbogas a metano ,
    il presidente burlando ha trovato il giusto punto di equilibrio … i 2 vecchi gruppi rimarranno in funzione fino all avviamento di un gruppo nuovo ad alta tecnologia , poi verranno completamente smantellati…
    ad oggi i gruppi a carbone possono funzionare tranquillamente in deroga e , quindi essendo obsoleti, inquinare in teoria per altri 15 anni , cosi’ si obbliga TP a spendere per un gruppo nuovo che a regime, non inquinera’ sicuramente come quelli vecchi che, verranno demoliti
    in quanto alla totale metanizzazione . potrebbe essere una soluzione…. se non fosse che il metano costa 10 volte il carbone e , con la privatizzazione dell ENEL .., od oggi tutte le societa’ produttrici di energia , per restare sul mercato devono avere il cosiddetto ” mix di combustibili” per poter vendere a minor prezzo e quindi restare compettitiva… poi col casino successo in libia il metano non mi sembra molto conveniente …l alternativa sarebbe il nucleare …ma io, sinceramente preferisco il carbone …inquinera’ un po’ ..ma almeno non emana radiazioni….
    riflettete…..

  3. lui la plume
    Scritto da lui la plume

    Non dimentichiamoci che la classe di potere …. composta dai politici a tutti i livelli, i responsabili delle tantissime autority, chi gestisce un minimo di potere ……. anche nel campo sindacale ….

    e’ molto amata …. ed apprezzata

    sono poche le mele marce che non hanno quell’amore ed apprezzamento.

    I personaggi che appartengono a quella “casta” sono amatissimi e molto apprezzati.

    (dalla loro mamma, dalle zie, qualche volta dal coniuge, raramente dai figli …. da qualche amico sincero, da qualche amico che ha ricevuto un favore, da qualche amico che si aspetta un favore …. e da qualche ingenuotto che da’ retta alle “cose sensate” che sia pur raramente vengono talvolta espresse …. dimenticavo … sono apprezzati “spesso” anche dalle tante amanti di vario sesso …..)

    Considerando l’enorme numero di appartenenti a tale casta e moltiplicandolo per dieci almeno si ottiene un numero di persone che apprezzano ed amano gli appartenenti alla “Casta” piuttosto considerevole ……

    Sono molto amati ed apprezzati da qualche milione di persone (un valore che ha dell’incredibile …..).

    Per il resto delle persone …. l’apprezzamento per gli appartenenti alla “casta” …
    e’ inversamente proporzionale ai quattrini che questi individui incassano …..
    credo che in questo periodo l’apprezzamento sia piuttosto bassino ….
    .
    .
    .
    La peggiore eredita’ che “il panzone” (cosi’ era definito un personaggio politico) ci ha lasciato e’ insita nell’apertura agli “imprenditori” del potere politico-amministrativo.

    Vi e’ una incompatibilita’ di fondo fra le due posizioni che devono tendere al miglioramento della vita da “opposte” posizioni da questa contrapposizione costruttiva di ruoli che “dovrebbero” essere dotati di differente “impostazione mentale” puo’ nascere il miglioramento del mondo in cui viviamo ….

    Da troppi anni questa contrapposizione non esiste piu’ ….
    e si vede ogni giorno che il popolo e’ costretto a scegliersi altri rappresentanti …..
    sempre diversi per contrapporre la propria volonta’ ad una volonta’ a senso unico che non rappresenta piu’ in alcun modo “il popolo” nelle “troppe” stanze del potere.

    L’eliminazione di queste “stanze” o meglio “stanzette” del potere generalmente del tutto inutili ….. dove si passa il tempo a cercare disperatamente qualche motivazione alla esistenza stessa del cadreghino ….. l’eliminazione di queste stanzette e’ l’unica strada possibile per ripristinare un equilibrio compromesso (dal panzone … e successori di dx e sx).

  4. Scritto da Dimici

    L’imprenditore guarda il guadagno, il politico DOVREBBE salvaguardare la salute dei cittadini, ma guarda il guadagno pure lui, e anche più dell’imprenditore!!! Se non decidono è perchè qualcuno vuole tirare su ancora un po’ di soldi…

  5. Scritto da Giovanni Rossi

    Atzori,
    la risposta è semplice:se l’opportunità c’è per l’imprenditore Tirreno-Power+Ansaldo+Atzori ci deve essere anche per il cittadino.
    Tirreno-Power dica che smantella tutti i vecchi gruppi a carbone e li sostituisca con un gruppo a metano di pari potenza.
    Penso che tutti a questo punto sarebbero d’accordo.
    Ma perchè non è cosi?
    Il lupo vuol mangiarsi un’altra volta l’agnello?
    Tra di noi Atzori:
    ma la famiglia Atzori, bimbi compresi, ha uno speciale lasciapassare che impedisce al pm 0,1 di attaccarli?
    oppure avete gli stessi polmoni nostri, e quindi soggetti a cancri, leucemie, …..