IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Tirreno Power, Alleanza per l’Italia: “No al potenziamento, metano o eolico”

Savona. Il Gruppo consiliare di API (Alleanza per l’Italia) del Comune di Savona, in coerenza con l’ordine del giorno approvato all’unanimità dal Consiglio comunale nell’estate del 2007, chiede al governatore della Liguria Claudio Burlando di esprimere parere negativo alla proposta di Tirreno Power per il potenziamento della centrale termoelettrica a carbone di Vado Ligure.

“La Centrale termoelettrica di Vado è posta in mezzo al nostro agglomerato urbano savonese che conta quasi 100.000 abitanti e non vi è una corretta rete di monitoraggio delle emissioni degli inquinanti al camino e a terra” si legge in una nota.

“La realizzazione di un quinto gruppo a carbone risulterebbe fortemente negativo per l’inquinamento atmosferico e dell’acqua del golfo di Vado e Savona, come documentato dalle numerose ricerche di studiosi e medici. L’aumento dell’emissione di anidride carbonica, oltre gli altri inquinanti volatili, non permetterebbe al territorio Savonese di rispettare la riduzione delle emissioni dei gas serra come previsto dagli accordi comunitari ed internazionali, con gravi ricadute negative per i finanziamenti europei e per l’occupazione. Ciò andrebbe anche ad incidere negativamente sul settore ittico, agricolo, turistico e commerciale” aggiunge la nota.

“Il potenziamento della centrale di Vado con l’utilizzo del carbone inoltre aggraverà la spesa sanitaria del comprensorio Savonese, facendo aumentare il numero dei cittadini che si ammaleranno e moriranno per malattie dell’apparato respiratorio”.

API chiede la metanizzazione dei due gruppi a carbone realizzati nel 1978 o la realizzazione di un impianto eolico ad alta quota. “Quest’ultimo impianto garantirebbe un aumento dei posti di lavoro (sia nella gestione dell’impianto, che nella produzione dello stesso) ed una maggiore efficienza produttiva rispetto a quelle previste nella realizzazione del quinto gruppo alimentato a carbone”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Bentossicini
    Scritto da Bentossicini

    Se si accetta l’ampliamento della centrale a carbone invece ogni dieci metri avremo un letto di ospedale!
    Convertiamo tutto a Metano!

  2. Carlo M.
    Scritto da Carlo M.

    Metti le pale in piazza Sisto IV. Così con i certificati verdi ce n’è per tutti…. Penso che prima di parlare a caso bisognerebbe informarsi un poco. La potenza di un gruppo di Vado equlavale a una elica eolico (quando c’è vento) ogni 10 metri da Ventimiglia a La Spezia. Quando non c’è vento? Si pedala…

  3. Iosif
    Scritto da Iosif

    Figurati se questi si lasciavano sfuggire questa occasione per fare un po di campagna elettorale.
    La cosa disarmante è credere veramente che un impianto nuovo del terzo millennio inquini di piu’ di uno degli anni 70.
    Certo è che le elezioni passate le ha vinte che stava con i partiti del NO quindi meglio non dire cosa si pensa veramente.