IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Tentato omicidio di Cairo, gli assistenti sociali: “Visione distorta della professione, si moltiplicano intimidazioni” foto

Cairo M. “Il grave fatto di Cairo ha sollevato il clamore intorno ai servizi sociali e dobbiamo mantenere alta questa attenzione, perché la nostra è la professione con cui ci facciamo garanti del benessere comune”. Lo sostiene Cristina Lodi, presidente dell’ordine degli assistenti sociali della Liguria, intervenendo direttamente sul tentato omicidio dei giorni scorsi che ha visto un italo-colombiano cinquantenne, Josè Formica, scagliarsi a colpi di machete contro la ventisettenne Veronica Meinero nella sede dei servizi sociali cairesi. L’uomo ha agito per vendicarsi dell’allontanamento forzato dei suoi due figli, di 10 e 16 anni, identificando la giovane operatrice con l’origine delle sue sofferenze.

“Attraversiamo un momento di grossa difficoltà nel nostro ruolo – prosegue – Soprattutto per la congiuntura economica che va a ricadere sulle famiglie e sullo stato sociale. Abbiamo la responsabilità sulla multidimensionalità del dolore, ma pochissime risorse per intervenire. Veronica è stata ‘svenduta’ per salvare vite, mettendo in pericolo la propria. Occorre un riconoscimento specifico del nostro mandato istituzionale”.

Cristina Lodi ha partecipato all’assemblea che ha radunato un centinaio di assistenti sociali della Liguria, convocata nella sala Carige di via Chiossone a Genova, durante la quale sono stati affrontate le criticità dovute alle politiche di welfare e in particolare ai tagli alle risorse, con le loro inevitabili ricadute per operatori e cittadinanza. “Gli enti locali fanno fatica con le nuove norme a praticare le assunzioni. Ma la figura dell’assistente sociale necessita di rappresentatività, soprattutto per le problematiche che affronta con i minori. Ora per fortuna Veronica sta meglio, ma non bisogna far calare l’attenzione” conclude la presidente dell’ordine regionale degli assistenti sociali.

Alessandra Giribaldi, segretario nazionale del SUNAS (il Sindacato Unitario Nazionale Assistenti Sociali), osserva: “L’assistente sociale è una figura molto esposta in questo periodo di crisi, per la sua posizione di mediazione e di contatto. Crescono bisogni, povertà e disagio, mentre le risorse diminuiscono. Aumenta la rabbia fra le persone e quindi il pericolo di gesti eclatanti, come quello di Cairo, dove una collega ha rischiato la morte”.

“Ma – aggiunge l’assistente sociale – gli atti di intimidazione e di minaccia, soprattutto verso le colleghe considerata la preponderanza femminile nella nostra professione, si moltiplicano a tutti i livelli; complice una campagna di disinformazione che addita erroneamente l’operatrice quale responsabile dell’allontanamento dei bambini. Anche nel caso di Cairo Montenotte, probabilmente l’uomo ha agito sotto l’impulso di un disagio psichico, ma anche nutrito da una visione distorta del ruolo dei servizi sociali alimentata dai media. Quasi che nell’immaginario l’assistente sociale ‘rapisse’ i bambini”. “Il problema è che siamo in trincea – conclude Alessandra Giribaldi – Siamo come soldati mandati al fronte con le scarpe di cartone”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Aurelio Bianchi

    Con il disfacimento del tesuto economico, è scontato che aumentino i problemi legati al sociale.
    Mi sembra di aver letto che fosse stato predisposto un presidio di Polizia Municipale all’ingresso del municipio.
    Quindi i problemi dovevano essere noti.

  2. Scritto da Bobby75

    Invece di fare della demagogia, accertati che le persone che dirigi in liguria siano effettivamente professionali e competenti… vedrai quante belle sorprese avrai se fai un minimo di controllo…. classico italiano, sempre parole parole parole bla bla bla