IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Tavolo istituzionale su Tirreno Power, “cauto ottimismo”: parlano Vaccarezza, Marson e Renata Briano

Vado Ligure. “Cauto ottimismo” esprimono Angelo Vaccarezza e Paolo Marson al termine del primo incontro del Forum Istituzionale per cercare la quadra con Tirreno Power sull’ampliamento della centrale a carbone vadese. “Si tratta oggi di un passo avanti, anche se in un quadro interlocutorio” dice il presidente della provincia di Savona.

“Sono emerse posizioni meglio delineate rispetto alla recente conferenza dei servizi a Roma – spiega – Si vuole mantenere il riserbo sui dettagli dell’incontro perché gli altri che seguiranno saranno quelli più approfonditi tecnicamente. Ci sono sul tavolo posizioni non collimanti ma che si stanno avvicinando”.

L’azienda sta valutando l’opportunità del mega investimento alla luce della proposta della Regione: Tirreno Power può costruire il nuovo impianto a carbone da 460 Megawatt a patto che i due esistenti, da 330 Megawatt ciascuno, vengano dismessi all’entrata in funzione del nuovo. E’ anche previsto che la società possa costruire un nuovo gruppo che non superi le emissioni di quello da 460 Mw. Numerose, poi, le prescrizioni ambientali.

La partita, come era prevedibile, si giocherà sulla riduzione delle emissioni inquinanti, la cui quantificazione sarà il vero nocciolo della negoziazione. Poche specifiche dal numero uno di Palazzo Nervi: “Si registrano importanti passi avanti – dichiara Vaccarezza – Da una parte c’è l’azienda intenzionata a produrre di più, dall’altra il territorio che vuole vedere diminuite le emissioni. Bisogna fare quadrare i numeri”.

L’assessore provinciale Paolo Marson osserva: “Industria e ambiente possono coesistere. E’ in gioco un grande investimento che può portare occupazione e miglioramenti ambientali. Certo, bisogna ancora fare passi avanti sul piano tecnico e trovare la soluzione intermedia fra opposte posizioni”.

Quanto alla posizione dei sindaci di Vado e Quiliano sulle barricate, contrari all’ampliamento della centrale? “Non so – chiosa Marson – Io sono un ottimista di natura”.

L’assessore regionale Renata Briano al termine dell’incontro, il primo della serie a cadenza settimanale che porteranno sino a metà aprile (termine ultimo considerato da TP per prendere una decisione), commenta: “La Regione ha avuto modo di illustrare più dettaglitamente all’azienda la delibera che contiene la proposta. Dal canto suo Tirreno Power ha chiarito le proprie ragioni”.

“Le posizioni si sono ravvicinate – sottolinea l’assessore Briano – Ma per noi la questione ambientale è prioritaria. Siamo tutti intorno ad un tavolo e ne stiamo parlando. Il tema dell’energia è all’ordine del giorno, per l’azienda rimanere sul territorio è importante”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.