IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Super luna, dottoressa Piombo (Ostetricia del San Paolo): “Picchi di nascite quando passa da calante a crescente” foto

Più informazioni su

Savona. Davvero nei reparti di ostetricia si lavora di più con il plenilunio? Una credenza diffusa mette in relazione le fasi della luna con il parto. Il tema è ancora dibattuto e rimane il dubbio se si tratti di convinzioni popolari che si tramandano di generazione in generazione o di un fenomeno con un fondamento scientifico.

L’argomento è tornato attuale proprio in questi giorni alla notizia della presenza della superluna piena che, a detta degli esperti, dovrebbe causare fermento nelle sale parto degli ospedali. Nelle foto, il grande disco fotografato ad Albissola Marina dopo la mezzanotte, nella ricorrenza dei 18 anni quando il satellite della Terra, appunto, raggiunge la distanza minima dal nostro pianeta.

“La superluna influirà sui concepimenti, tutta questa luce stimolerà l’epifisi che toglie il freno agli ormoni sessuali e faciliterà il travaglio” sostiene Italo Farnetani, pediatra e docente a contratto dell’Università di Milano.

Secondo la dottoressa Susanna Piombo, responsabile della struttura semplice di Ostetricia all’ospedale San Paolo di Savona diretta dal Primario Garzarelli, in base alla sua esperienza, le fasi lunari influiscono molto sulle nascite: “In genere ogni anno all’ospedale San Paolo nascono in media 1200 bambini e registriamo picchi di nascite quando si passa dalla luna calante a quella crescente. In questi giorni invece non abbiamo notato nessun cambiamento significativo con la presenza di questa superluna; i parti che in media ogni giorno sono circa tre o quattro, hanno mantenuto questo andamento”.

“Le donne incinte credono molto nella luna, soprattutto quando vengono accompagnate ai monitoraggi o ai controlli dalle loro madri l’argomento torna di continuo d’attualità. Spesso quando la data del parto si avvicina e le donne in attesa vengono a sottoporsi ai normali controlli, mi sento dire dalle loro nonne: ‘dottoressa è inutile che controlla tanto la luna non è cambiata e il piccolo non nascerà ancora, c’è ancora tempo’. Effettivamente molto spesso i fatti danno loro ragione” sottolinea la dottoressa Piombo.

Le opinioni continuano a essere contrastanti tra gli scettici e coloro che sono più legati alla tradizione, anche se in generale c’è da chiedersi: se le lune influenzano le maree, non potrebbero in qualche modo avere anche degli effetti sul liquido amniotico?

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.