IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Studente accusato di abusi su bimba: chiede di poter lasciare i domiciliari per andare all’Università

Vado L. Poter lasciare gli arresti domiciliari esclusivamente per recarsi all’università e frequentare le lezioni. E’ questa la richiesta avanzata al Tribunale dal legale dello studente di 22 anni che era finito in manette lo scorso 9 ottobre a Carcare con la grave accusa di aver commesso degli abusi su una bambina di 23 mesi, sorella della sua fidanzata. Adesso spetterà al gip Emilio Fois decidere se concedere al giovane il permesso di lasciare i domiciliari per motivi di studio oppure no.

Nel gennaio scorso il pubblico ministero Alessandra Coccoli aveva chiesto il giudizio immediato per il 22enne. Il processo a suo carico prenderà il via il prossimo 26 ottobre. La vicenda di Carcare aveva suscitato scalpore in Valbormida e anche in Riviera. Era stata la madre della bambina a sorprendere il ragazzo mentre molestava la piccola durante il cambio dei pannolini. Situazione che secondo quanto poi accertato dai carabinieri si sarebbe ripetuta più volte in poco tempo. Dopo l’arresto i giudici avevano accolto l’istanza di scarcerazione presentata dalla difesa per consentire al giovane un percorso di cura da uno psicologo.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da mrb

    I principi deontologici sono una gran bella cosa dovrebbero allora essere usati sempre…..
    era una neonata e non una bambina è incommentabile…………

  2. Moon
    Scritto da Moon

    hi-tec credo che lei voglia dire che ci vuole prudenza a far uscire uno così perchè permissibile che possa riaccadere una cosa così… almeno spero volesse intendere questo.

  3. Scritto da freeholly9

    scusi se mi permetto,ma di quale principio deontologico si tratta,dato che le persone hanno il diritto di sapere chi è che circola liberamente ed è un maniaco pervertito violentatore di bambine?

  4. Scritto da Dimici

    E’ incredibile vedere come più sia grave il tuo reato, più ti trattino bene! Non spetta a noi giudicare, ma io un individuo capace di un gesto simile non lo vorrei mai in giro!

  5. Redazione
    Scritto da Redazione

    La decisione di pubblicare nomi e/o cognomi in relazioni a fatti gravi e delicati di cronaca, specie durante le fasi processuali, spetta ai giornalisti della redazione e al direttore, che valutano in base a principi deontologici. Del caso ci siamo ampiamente occupati al momento dell’arresto, come risulta dall’archivio dei nostri articoli. Speriamo sia pacifico che non compete ai commentatori scegliere la linea editoriale, nonostante il contributo essenziale che possono (costruttivamente) dare.