IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Si spacciava per romeno, dopo controllo tenta la fuga e poi colpisce militare: albanese patteggia

Savona. E’ stato fermato, ieri sera, in Corso Tardy e Benech a Savona, per un normale controllo stradala, ma i militari lo hanno trovato in possesso di una carta d’identità e di una patente false. L’uomo, un albanese di 38 anni, Astrit Kronaj, non appena ha capito che i carabinieri avevano intuito che nei suoi documenti c’era qualcosa che non andava si è dato alla fuga. L’uomo è scappato a piedi tra via Pirandello e via Trilussa, ma è stato poi individuato, intorno alle 4,30, dagli uomini dell’Arma mentra cercava di nascondersi tra le piante.

Quando i militari hanno cercato di bloccarlo l’albanese, che in precedenza aveva tentato di strappare i suoi documenti, ha reagito colpendo con un calcio un carabinieri (che ha rimediato 5 giorni di prognosi). Kronaj, che era noto alle forze dell’ordine anche con l’alias “Marius Pop”, si spacciava per romeno ed infatti sulla carta d’identità falsa la nazione di provenienza indicata era la Romania. I carabinieri, che sono risaliti alla sua identità attraverso il sistema “Afis”(il Sistema Automatizzato di Identificazione delle Impronte), hanno anche scoperto che l’uomo, che aveva qualche precedente, era clandestino perché non aveva ottemperato ad un decreto di espulsione.

Il 38enne è stato così processato per direttissima, questa mattina, in Tribunale a Savona, con le accuse di resistenza a pubblico ufficiale e possesso di documenti falsi. In aula l’imputato si è detto dispiaciuto per il comportamento tenuto nei confronti dei militari: “Mi scuso per quello che ho fatto, ho sbagliato. Ero qua perché volevo portare dei soldi a mio figlio. Sono dispiaciuto”. Il giudice, al termine del rito per direttissima, ha convalidato l’arresto e accolto la richiesta di patteggiamento del legale dello straniero. Kronaj ha quindi patteggiato una pena di 14 mesi di reclusione con la sospensione condizionale. L’uomo dovrà però lasciare il Paese: il giudice ha infatti dato il nulla osta alla sua espulsione.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Total War
    Scritto da Space Limit

    perche NESSUNO nella realtà li espelle. lo stato è in malora e non ha neppure i soldi per irmpatriare sti cosi, i magistrati se possono li rimettono a spasso, la polizia è frustrata di vedere il proprio lavoro vanificato e alla fine fa finta di niente….

  2. Scritto da Dimici

    Ma il termine “espulsione” indica che viene gentilmente invitato a lasciare l’Italia? Come mai era ancora qui scusate?????

  3. Giudice
    Scritto da Giudice

    Mano, perchè dici “che schifo” Pirata?!” In fondo si è dispiaciuto per quello che ha fatto. E poi… era qua solo per poprtare dei soldi al figlio. ( e poi magari se ci vuole anche spiegare come…. : E’ partito dall’labania per venire in Italia a portare dei soldi?!! ahahah ma questa chi se la beve? Oppure era in Italia e voleva raccimolare dei soldi per il figlio – e da clandestino mi deve spiegare come li recuperava questi soldi ) Ma è mai possibile che questo paese sia così refrattario all’uso della comune intelligenza!

  4. pirata
    Scritto da pirata

    Che SCHIFO!!!