IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Regione, seduta solenne su Unità d’Italia, polemiche di Pdl e Lega Nord: “Gibelli fazioso”

Regione. I consiglieri del Pdl hanno definito “fazioso” il discorso dello storico Antonio Gibelli, tenutosi stamattina durante la seduta congiunta dei Consigli Comunali in occasione del 150° dell’Unità d’Italia. La Lega Nord, invece, non si è proprio presentanta, a parte Francesco Bruzzone, in aula solo a titolo istituzionale perché membro del consiglio di presidenza dell’Assemblea legislativa ligure.

Forti i discorsi dei due docenti universitari, Antonio Gibelli e Giovanni Marongiu, molto apprezzati e applauditi dal numeroso pubblico presente nella sala del maggior consiglio. Non semplici apologie di occasione, ma racconti di una storia, con sottolineature anche dei punti controversi. Come ampiamente annunciato nei giorni precedenti, però, non sono mancate polemiche da parte del Pdl e della Lega Nord.

Lo storico Gibelli, in particolare, non è piaciuto al centrodestra quando ha detto che “la classe dirigente è arrivata a questo appuntamento con molta reticenza, dando l’impressione di viverlo come una spesa inutile e un’ incombenza che avrebbe preferito evitare. Abbiamo dovuto affidarci a quel grande interprete moderno delle tradizioni popolari che è Roberto Benigni per avere un sussulto di emozione adeguato all’importanza dell’avvenimento, per veder rilanciata in forma plateale ma non retorica una delle sue icone principali, Garibaldi a cavallo con il tricolore, per sentirne finemente rievocata e commentata la colonna sonora ufficiale, l’inno di Mameli”.

“E’ fazioso” ha controbattuto il capogruppo regionale del Pdl Matteo Rosso. “Ha dato giudizi invece di raccontare i fatti” ha aggiunto il segretario ligure della Lega Nord, Francesco Bruzzone.

“La Lega si vergogni” ha replicato Simone Leoncini, coordinatore provinciale Sel alle accuse lanciate dal centrodestra in direzione dello storico. “La Lectio Magistralis del prof. Antonio Gibelli ha segnato uno dei momenti più alti della Commemorazione del 150° dell’Unità d’Italia. Un intervento privo di retorica, capace di rendere vivo e attuale tale anniversario. Gibelli ci ha proposto un’idea di Nazione come spazio pluralista delle diversità e della libertà”.

Tornando al tema centrale dell’Unità d’Italia, sono stati toccanti anche i discorsi dei presidenti dei tre consigli Regionale, Provinciale e Comunale. Con le loro parole, Rosario Monteleone, Alfonso Gioia e Giorgio Guerello hanno tracciato un breve viaggio nel passato, alla riscoperta della storia d’Italia e in particolare di Genova, protagonista nel raggiungimento dell’importantissimo traguardo di unità nazionale.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Paolomad

    Se fossero coerenti gli amici della lega, dovrebbero rassegnare le dimissioni da ogni incarico, invece se c’è da magnare sono tutti pronti ma quando suona l’inno di Mameli ecco che devono lasciare l’aula. Che tristezza !!!!!!!!

  2. Scritto da Resist

    Ma vi aspettate ancora dei comportamenti coerenti da parte della Lega?
    Con il monarca Bossi che solletica la pancia al suo “popolo padano”, aiutato degnamente dal “trota” ,erede designato….
    della serie “povera Italia”!!!!