IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Referendum, no all’Election day: critiche alla scelta di Maroni

Savona. Il Ministro Maroni ha dichiarato ieri che al prossimo Consiglio dei Ministri proporrà domenica 12 giugno quale giorno per lo svolgimento dei referendum. La scelta non è stata gradita dal Comitato referendario savonese “2 Sì per l’acqua bene comune”, che teme una bassa affluenza in una data prossima all’estate.

“Come è noto – affermano gli esponenti del Comitato -, si tratta dell’ultima data consentita dalla legge, che prevede che i referendum si svolgano tra il 15 aprile e il 15 giugno, altrimenti avremmo potuto anche rischiare di dover andare a votare a ferragosto”.

“E’ chiaro infatti – proseguono – che la scelta non è casuale: il 12 giugno le scuole saranno già chiuse e l’inizio della stagione estiva rappresenterà per chi può permetterselo un incentivo ad andarsene fuori città. Questo almeno nei desiderata del Ministro e del Governo di cui fa parte, che evidentemente teme che questa volta i referendum possano raggiungere il quorum e i sì vincere. I timori del Governo sono fondati, anche se non giustificano la decisione presa, come dimostrano 1.400.000 firme raccolte per i quesiti sulla ripubblicizzazione dell’acqua, un risultato mai ottenuto prima”.

“Per questo Maroni – sottolineano i membri del Comitato pro referendum – ha scelto la strada del boicottaggio, consapevole che la normale dialettica politica fra sostenitori del sì e del no lo vedrebbe perdente. Meglio allora usare altri mezzi, pur di rendere difficoltosa la libera espressione della volontà dei cittadini. Al Ministro va inoltre ricordato che fu proprio su sua proposta che nel 2009 le elezioni amministrative furono accorpate alle europee. Allora era preoccupato che non si sperperassero inutilmente soldi pubblici (calcolò un risparmio di 400 milioni di euro) con più tornate elettorali. Oggi, malgrado si sia nel pieno della crisi economica, quella preoccupazione non c’è più”.

Il comitato promotore dei referendum per la ripubblicizzazione dell’acqua e quello contro il nucleare hanno da tempo avviato una petizione, che ha raccolto migliaia di firme, per chiedere l’accorpamento delle date di amministrative e referendum. Hanno chiesto un incontro al Ministro per illustrargli le ragioni che sostengono l’accorpamento: ragioni economiche ma soprattutto di maggiore garanzia di partecipazione.

“La risposta – concludono gli esponenti del Comitato – è stata quella che apprendiamo dalle agenzie: una arrogante chiusura al confronto e l’assoluta indifferenza alla possibilità che cittadine e cittadini siano messi nelle condizioni migliori per esercitare il loro diritto al voto. Già ci fu chi nel passato disse ‘tutti al mare’ e gli andò male. Sarà così anche questa volta”.

Critiche alla scelta di tale data giungono anche dalla sezione savonese del Movimento 5 Stelle. “Il fatto che il Ministro degli Interni Maroni abbia annunciato che non si farà l’Election day – spiegano i portavoce del movimento politico – è il chiaro segnale della volontà di affossare i referendum (due sull’acqua, uno contro il nucleare, uno sul legittimo impedimento) facendo mancare il quorum e non ascoltando quindi, in realtà, la volontà dei cittadini”.

“Forse mettendo i referendum ad inizio estate si ha la certezza di non raggiungere il quorum? – domandano gli esponenti del Movimento 5 Stelle – Comunque siano le varie motivazioni, credibili o meno, rimane un enorme ed inutile spreco di soldi pubblici, laddove in altri casi si invoca il risparmio. Si parla di ben 300 milioni in più, qualcuno dice addirittura 400, in una situazione in cui le casse dello Stato non sono certo in buona salute”.

“Questa – concludono – appare come una mancanza di rispetto per l’impegno dei comitati referendari, per la vera democrazia, e in generale una dimostrazione che un Ministro degli Interni, che dovrebbe fare per il suo stesso ruolo l’interesse di tutti, si comporta in modo tutt’altro che imparziale”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da grilloparlante

    Che anno era il 1992? Un certo presidente del consiglio (o forse all’epoca non lo era) poi fuggito latitante all’estero, invitò gli italiani a disertare un referendum preferendo a quello una giornata al mare… Finì male per lui perchè l’affluenza superò di gran lunga il quorum. Oggi con le pezze che ha al culo l’Italia sarebbe cosa buona risparmiare sti soldi…ma le tenteranno tutte per invalidare il referendum…metteranno in campo quotidianamente tutta la potenza mediaticotelevisiva di cui dispongono (altro che ballarò e annozero che ci sono una volta alla settimana) ma penso che non servirà a nulla… L’acqua è un tema troppo sentito…ho visto firmare ai banchetti tanta gente, persone di destra, di centro e di sinistra…

  2. folgore
    Scritto da folgore

    Quoto @james bond, l’interesse economico dei pro-referendum è dovuto solo al fatto di mascherare la preoccupazione per l abassa affluenza, se fossero temi così sentiti quelli su cui si fanno referendum non dovrebbe esserci da parte loro una così ampia preoccupazione sull’aflluenza no?!
    Invece usando le amministrative prendono il quorum da tutti gli elettori e i voti della loro parte politica, falsando la consultazione, a sto modo invece a chi non interessa la cosa non va a votare quinid se passa è perchè era un tema sentito, qualunque fosse l’esito se non passano è perchè non interessava a nessuno!
    Abbiam fatto referendum sulle cose più banali, addirittura si è arrivati un anno a farne 7 in un unica tornata con schede di ogni colore, peccato che l’unico da fare (quello per chiederci se volevamo entrare in Europa) l’amico Mortadella non lo ha mai fatto imponendoci la scelta e un sacco di soldi da pagare!!!
    Altro aspetto positivo scuole chiuse non significa dover far perdere 3-4 gg di lezione agli studenti fermare programmi ecc in quei paesi non interessati dalle amministrative, e semplifica notevolmente la vita a chi opera nei seggi che non è costretto a dover fare mille conti in quanto le schede sui referendum possono non essere ritirate.
    Facciamo così perchè non accorpare tutte le elezioni insieme?Comunali, regionali, provinciali, camera, senato, europee tutte lo stesso giorno ogni 5 anni…sai che risparmio!

  3. Scritto da mauri

    Sono d’accordo con chi dice che è uno spreco di denaro pubblico in tempo di crisi il non accorpare le elezioni col referendum, però a questo punto non si può solo mugugnare per questo. Ci sono 3 mesi di tempo in cui si può far capire perche è importante andare a votare e perchè è importante votare sì; in poche parole è ora che chi fa opposizione parli di contenuti e la smetta di mugugnare e criticare perchè come è stato dimostrato ampiamente e una tattica che non paga.

  4. james bond
    Scritto da james bond

    belin… gli italiani son stati chiamati a votare per 62 referendum abrogativi in 15 tornate elettorali, MAI la consultazione si è svolta contemporaneamente ad elezioni politiche od amministrative…
    Quindi o Berlusconi e Maroni governano l’Italia da 65 anni o queste lagnanze dei promotori dei referendum sono solo scuse per “mettere le mani avanti” perchè sanno che i referendum falliranno perchè non interessano gli italiani…

    Davvero un bel boomerang… Berlusconi il 14 giugno si farà un sacco di risate… :-)))

  5. Scritto da Resist

    Perchè meravigliarsi??? “U padrun e u garsun”….il Padrone(Berlusconi) ha ordinato e il garzone(Maroni) ha eseguito, per far dispetto alle forze progressiste e ambientaliste, alla faccia dello spreco di denaro pubblico(mica suo).
    Ma…”ride bene chi ride l’ultimo”…ammesso che ci sia ancora da ridere.