IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Pietra, polo di centro destra: “Giusto difendere la maternità al Santa Corona”

Pietra Ligure. Il polo di centro destra per Pietra Ligure interviene in merito alla polemica scatenata dal Pdl ingauno sul trasferimento delle attrezzature della maternità da Albenga al Santa Corona e plaude all’odg congiunto firmato dai consigliere Roberta Gasco e Stefano Quaini.

“Il reparto di ostetricia e ginecologia del Santa Corona rappresenta un’eccellenza oggi reale ed esistente, che non può essere ridotta o, peggio, cancellata; l’inutilità conclamata di creare una struttura di una nuova maternità, a 15 km di distanza da quella già oggi esistente” si legge in una nota congiunta dell’assessore Mario Carrara, del segretario del Polo di centro destra Giuseppe Minuto e dell’assessore Rino Cassanello.

È chiaro, come era stato ben evidenziato nel convegno promosso dal polo di centro destra per Pietra questo autunno, che ostetricia e ginecologia devono stare in ospedali dove sono operative le strutture dell’emergenza, a tutela della salute delle partorienti, dei nascituri e dei nati; com’è oggi pienamente Santa Corona” prosegue la nota.

“La logica di volere, a tutti i costi, realizzare una nuova ostetricia e ginecologia, in un ospedale come quello di Albenga, rappresenta lo spreco ingiustificabile di risorse finanziarie per creare un “doppione minore”, rispetto ad una struttura eccellente che già esiste a 10 minuti d’autostrada, giustificabile solo dall’egoismo di logiche di campanile medievali, che hanno portato, negli anni, al dissesto finanziario della sanità ligure” conclude la nota.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da giasone

    la maternità del santa corona mi è sembrata un reparto rimodernato con personale efficente e disponibile

  2. francesco piliego
    Scritto da francesco piliego

    la rianimazione è per la madre, non per il bambino. certo che il bambino va al gaslini

  3. Scritto da balun

    bene bene…
    caro Francesco ti ricordo che la maternità ad Albenga è sempre esistita, anche prima dell’arrivo dei tanti extracomunitari di oggi! Se le apparecchiature del s. corona non sono all’avanguardia non è di certo perchè nè sono state acquistate di nuove per il nuovo complesso ospedaliero ingauno. La carenza di personale è un male comune a tutte le strutture, purtoppo, ma la scarsa professionalità dei singoli quella no! La rianimazione, infine, è la scusa ultima sulla quale ci si aggrappa per non aprire la maternità ad Albenga: allora spiegami
    1) perchè ad Albenga la rianimazione è funzionante 5-6 giorni su 7? uno/due giorni in più comporterebbe delle così insostenibili spese? e il trasferimento dei degenti del 7° giorno, quello non è un costo?
    2) (e questo punto la dice lunga) perchè in alcuni casi le ostetriche stesse ti propongono di fare il parto IN CASA seguita da una di loro? Non sarà più sicuro comunque partorire in una struttura ospedaliera o forse questa nuova moda del parto in casa è valida solo per chi ha una rianimazione funzionante 7 giorni su 7 nel proprio appartamento???
    Per finire, se un bimbo sta male, volare per volare è meglio dirigersi al Gaslini, magari con l’elicottero… con il traffico, semafori e interruzioni varie si fa prima ad andare a Genova con l’elicottero che a Pietra con l’autombulanza!

  4. francesco piliego
    Scritto da francesco piliego

    hai detto bene….carenza di strutture: e certo se quelle nuove sono ad albenga senza nessuno che le usa!!! a pietra bisogna “arrangiarsi” con lettini dell’anteguerra, una vasca scomoda per le donne e per le ostetriche che si devono rompere la schiena! carenza di personale: l’asl non assume, non c’è personale per aprire l’ostetricia a albenga e il personale è quello che è…anche trasferissero,il personale non si moltiplica ma sarebbe lo stesso!!
    la maggior parte dei bambini del comprensorio ingauno perchè te lo sei chiesta? forse perchè la maggior parte dei cittadini di albenga sono extracomunitari e loro fanno ciascuno 3 figli minimo. Per finire, un’ostetricia senza una rianimazione non può esistere, se stai male a albenga nel week end devi volare in ambulanza a pietra!

  5. Scritto da balun

    PAGLIACCIATE!!!
    Per esperienza personale diretta ed indiretta posso garantire che l’ostetricia e ginecologia di s corona più che un’eccellenza é un’indecenza!!!
    Carenza di personale, scarsa professionalità e carenza di strutture possono bastare?!? Più di due anni fa, quando sono stata ricoverata per la mia maternità, si sono verificati diversi episodi (che fortunatamente non sono degenerati) che hanno convinto me ed altre mamme a decidere di optare per savona o per Imperia nel caso di future gravidanze. Purtroppo devo constatare da amiche che sono diventate mamme di recente che le cose non sono cambiate…. Inoltre teniamo presente che la maggior parte dei bimbi che nascono al s corona sono del comprensorio ingauno. Questo é un chiaro esempio di come le scelte politiche non seguano le reali esigenze del territorio ma siano volte a favorire le poltrone dei singoli e oggi purtroppo non c’é nessun rappresentante del comprensorio ingauno ne in provincia ne in regione!