IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Pietra città “animal friend”, Mattea attacca: “Premio immeritato”, dura replica del Comune

Pietra L. Duro botta e risposta tra l’assessore provinciale Carla Mattea e gli amministratori comunali di Pietra Ligure sul premio “Animal Friend” conferito dal Ministro Brambilla al comune della Riviera. La Mattea ha definito “immeritato” il premio per la disponibilità e l’accoglienza verso gli amici a quattro zampe consegnato a Pietra.

“Lo è per due motivi: nulla hanno fatto durante la loro amministrazione che dimostrasse questa particolare sensibilità, anzi si sono lodati di qualcosa realizzato da altri assumendone il merito e mi riferisco alla prima spiaggia comunale della Liguria attrezzata per animali domestici; nulla continuano a fare, nonostante la legge lo consenta (LR 23/2000) e molta parte della cittadinanza attenda risposte in tal senso – attacca l’assessore provinciale -. Mi riferisco alla realizzazione di un’oasi felina protetta in una zona peraltro di proprietà comunale e a costi modesti. Alcune volontarie Enpa si sono interessate affinchè venisse individuata un’area idonea (zona casello autostradale Via della Pace), nella quale sarebbe possibile l’installazione di una struttura ricettiva per animali feriti, malati, traumatizzati che dopo le prime cure dovranno essere obbligatoriamente reimmessi, come prescrive la legge regionale, nelle colonie feline di provenienza”.

“Vi potrebbero trovare ospitalità anche animali di proprietari deceduti che spesso subiscono l’abbandono. Unica eccezione potrà essere il caso di animali non più autosufficienti che, al termine delle cure e previa sterilizzazione da parte del servizio veterinario Asl, saranno rilasciati all?esterno della struttura e lì potranno
vivere accuditi dai volontari Enpa. Già nel 2007 il Presidente dell’Enpa aveva inoltrato una nota di richiesta al Sindaco senza peraltro mai ottenere riscontro. Inoltre, sempre a supporto dell’immeritato riconoscimento, l’Amministrazione pietrese avrebbe intenzione di spostare altrove la colonia felina esistente nell’area sovrastante il parcheggio di piazzale Geddo perché di ‘intralcio’ alla realizzazione del nuovo parco. Ma la legge questo lo impedisce. Probabilmente la Brambilla ha sbagliato paese.. purtroppo, non può essere Pietra Ligure la città ‘animal friend’!” conclude la Mattea.

Dopo questo attacco diretto non si è fatta attendere molto la replica dell’amministrazione comunale. A rispondere è il vicesindaco Dario Valeriani: “La Mattea non sa, che il premio è conferito al Comune di Pietra Ligure e non all’amministrazione del Comune. Il fatto che la spiaggia sia stata realizzata da un’amministrazione piuttosto che da un altra, non esclude che l’iniziativa sia del Comune, inteso come la comunità dei cittadini pietresi. Affermare che un premio conferito al Comune è immeritato, sottrae il merito non all’amministrazione, ma ai cittadini. I pietresi dovrebbero sentirsi offesi da una dichiarazione simile. Le iniziative, tutte, sono assunte a loro spese e realizzate sul loro territorio”.

“La signora Mattea e l’amministrazione di cui faceva parte, non hanno realizzato personalmente la spiaggia per i cani ma lo hanno fatto solo per il consenso ricevuto dai cittadini e in nome e per conto di questi ultimi. Non è la spiaggia della signora Mattea, né la spiaggia della Lega. Non è il cinema della Mattea, né di Accame, né della Lega; non era il ponte di Accame, né della Mattea, né di Bossi. Sono la spiaggia, il cinema e il ponte del Comune di Pietra Ligure; sono dei cittadini pietresi, i mutui, i bilanci e i premi. La consegna del premio nelle mani di De Vincenzi, di Valeriani o di Mattea, avviene in forza di quella che si chiama rappresentanza. A ritirare il premio, si presenta la comunità pietrese, in quel momento rappresentata dal suo sindaco o dal vice sindaco” aggiunge il vicesindaco.

“Non è il premio di De Vincenzi, né di Valeriani, né della Mattea ed ancor meno il premio della lista civica o della Lega. La dichiarazione della Mattea è la conseguenza della veste personale che si attribuisce alla politica. Una delle più insistenti proposte della Lega, è quella di istituire un esame obbligatorio per i cittadini extracomunitari, volto a verificare la loro conoscenza della lingua e della cultura italiana. Dovrebbe essere previsto, invece, un esame obbligatorio per chi intende candidarsi ad una carica politica, per accertare se sa chi fosse Aristotele e se conosce il significato del concetto di ‘polis’. ‘Polis’, in greco significa la città, la comunità dei cittadini. La ‘politica’ é l’amministrazione della ‘polis’ per il bene di tutti, la determinazione di uno spazio pubblico al quale tutti i cittadini partecipano” prosegue Valeriani.

“C’è un secondo aspetto che rende la situazione ancor più paradossale: il premio conferito alla città di Pietra Ligure dal ministro Pdl Brambilla, è stato censurato da una cittadina pietrese, assessore della provincia di Savona, militante della Lega Nord, partito della coalizione Pdl. La signora Mattea, dunque, nella sua veste di donna ‘piccata’ per non avere presenziato alla consegna del premio per la ‘sua’ spiaggia, con un’unica azione contraddice la sua cittadinanza, la sua carica pubblica e la sua appartenenza politica” conclude il vicesindaco di Pietra Ligure.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. paperino
    Scritto da paperino

    Visto che si parla di amici degli animali, per me l’unico che avrebbe da dire la sua (e con ragione ) dovrebbe essere il Dr Catarella che ai tempi ere assessore ( sembrava che gli altri componenti la Giunta lo relegassero in un angolo acontentandolo con la spiaggia per cani o le casette per i gatti ). Quanto è stato fatto in merito a questo problema sicuramente è merito suo ed ora si rivendica……

  2. madmax1985
    Scritto da madmax1985

    . . . Valeriani (il neo-animal friend suo malgrado) ci vuol spiegare che fine ha fatto il suo gatto di casa (sparito misteriosamente) ? ci vuol dire quale impegno DIRETTO ha profuso nella tutela degli animali ? fa il volontario al canile ? si occupa di recupero di animali feriti ? è guardia zoofila ? dica, dica . . sapientone !!

  3. corsaronero
    Scritto da corsaronero

    niente da dire…. valeriani è stato un grande! Speriamo….

  4. paperino
    Scritto da paperino

    Ma cosa c’entra una laurea per fare politica ?
    Onestà e umiltà poi il resto viene da se…..
    Dimenticavo…lasciamo a casa l’arroganza che fa diventare dei piccoli omuncoli i nostri politici locali, come potete ben notare.

  5. sampei29
    Scritto da sampei29

    hi-tech, come hai potuto leggere in risposta al commento da te citato non gradisco vedermi appicicate etichette di partito che non mi appertengono, fermo restando che le mie idee sono tendenzialmente di “sinistra” per quanto ormai possa aver senso tale distinzione…