IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Pesanti avances alla segretaria: albenganese 64enne a giudizio

Ceriale. Avrebbe fatto delle pesanti avances alla sua segreteria e per questa ragione, ora, deve rispondere in Tribunale dell’accusa di tentata violenza sessuale. I fatti, avvenuti a Ceriale, risalgono a sei anni fa: l’imputato, G.F., libero professionista albenganese di 64 anni, mentre si trovava in ufficio con la sua dipendente, una 55enne, aveva tentato di baciarla con la forza. Secondo l’accusa l’uomo, dopo un primo rifiuto della donna, avrebbe provato a baciarla ancora, oltre che a palpeggiarla.

Era stata la stessa segretaria a trovare il coraggio di denunciare tutto ai carabinieri. Il 64enne è stato così rinviato a giudizio con l’accusa di tentata violenza sessuale. Questa mattina, davanti al Collegio dei Giudici del Tribunale di Savona, si è celebrata una nuova udienza del processo. In aula sono stati ascoltati alcuni testimoni tra cui la vittima e sua figlia.

La donna ha rivissuto il momento in cui, in pieno pomeriggio, il datore di lavoro ha tentato di baciarla: solo l’ingresso nell’ufficio di due clienti le avevano permesso di scappare prima che l’uomo potesse costringerla ad avere un rapporto sessuale. La figlia della 55enne ha raccontato che, il giorno della tentata violenza, la madre arrivò a casa scossa ed in lacrime le spiegò quanto era accaduto. La ragazza ha poi riferito ai giudici, così come li ha appresi da lei, tutti i dettagli sui pesanti “approcci” che la mamma avrebbe subito. Al termine delle audizioni il processo è stato rinviato al prossimo 30 marzo. In quell’udienza, salvo sorprese, si dovrebbe arrivare alla sentenza.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da mariolino

    sapere il nome sarebbe utile per castigare moralmente il reo, ma la moglie e i figli sarebbero anche loro vittime di questo squallido episodio. Per rispetto a questi forse a meglio così.

  2. Bandito
    Scritto da Bandito

    Mandatelo in galera, scoprirà cosa si prova quando grossi uomini pelosi cercano di abusare di te, con la speranza che ci riescano.
    P.S. concordo con il liquidatore.

  3. Scritto da il liquidatore

    perchè censurano il nome? questa gentaglia dovrebbe essere ben segnalata!ma no bisogna tutelarla altrimenti chissà poi la moglie a casa e i figli come ci rimarranno male della bella figura!!