IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

PdCI su Tirreno Power: “Per quanto ci chiederanno di barattare salute con lavoro?”

Vado Ligure. “La Federazione Provinciale di Savona del Partito dei Comunisti Italiani – Federazione delle Sinistra si dichiara nettamente contraria all’ipotesi di una scelta della Regione Liguria circa l’autorizzazione all’ampliamento della centrale Tirreno Power di Vado Ligure. Ancora una volta l’azienda usa il vile ricatto dei posti di lavoro per portare avanti scelte ambientalmente scellerate con ricadute deleteree sulla salute delle popolazioni che vivono nelle aree limitrofe agli impianti. La salute non può e non deve essere merce di scambio tanto più con promesse tanto eclatanti quanto inconcludenti” scrive in una nota il PdCI savonese.

“La Federazione Provinciale Savonese metterà in atto tutto quanto possibile per sostenere il proprio rappresentante in Giunta affinché si opponga a quanto si sta consumando in Regione Liguria.La solidarietà con i lavoratori dell’Ansaldo, così come con tutti quelli che in questi anni sono stati illusi da Tirreno Power su nuovi posti di lavoro è totale ma riteniamo che non sia questa la soluzione per aumentare l’occupazione, che ben altro sbocco avrebbe se si continuasse in una scelta energica, coerente e basata sulle fonti rinnovabili e sulle nuove tecnologie” conclude il PdCI.

“D’altra parte – afferma Gianetto, Segretario provinciale del PdCI – ci chiediamo come ci si possa fidare delle promesse di un’azienda che a suo tempo aveva sottoscritto un accordo per la metanizzazione dei gruppi a carbone ben guardandosi dal rispettarlo; un’azienda che, mentre racconta le belle favole della riduzione delle polveri, nel frattempo ci risulta abbia delle grane con la Procura della Repubblica per sversamento di inquinanti in mare”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Iosif
    Scritto da Iosif

    Per essere comunista non basta sventolare una bandiera.
    Il pdci csa propone?
    Non Parole! STIPENDI!

  2. Carlo M.
    Scritto da Carlo M.

    Si puo’ sempre provare con le energia alternative pagate con la bolletta di noi tutti. Quelli sono tanti posti di lavoro peccato che siano pagati con i soldi di tutti: dalla vecchietta, al negozio, alla famiglia numerosa. Ma sono sicuro che ai comunisti, ultimi teorici di una teoria politica scientificamente fallita non gliene importa più di tanto. Già che ci siamo se ognino si tassasse di 1 cent. sulla bolletta del gas per pagarmi lo stipendio? No eh..

  3. Scritto da juan

    cari compagni , mi meraviglio che i comunisti come voi , invece di pensare ai posti di lavoro , seguano le trombe dei “pseudoambientalisti dell ultima ora ” per guadagnare ( forse ) un po’ di visibilita’ politica….adesso ho capito perche’ siete scomparsi dal parlamento e avete regalato migliaia di voti alla lega….
    continuate cosi’ e alle prossime elezioni verrete dichirati in via di estinzione come i panda o le tigri siberiane …per trovare un comunista dovremo chiamare licia colo’ …ma fatemi il piacere!!