IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Parco Fontana di Finale, Simonetti controreplica al vicesindaco: “Previsti 7 mila mc di cemento”

Finale Ligure. Prosegue il botta e risposta tra il consigliere d’opposizione Simona Simonetti ed il vicesindaco finalese Giovanni Ferrari sul destino di Parco Fontana. Il rappresentante della maggioranza, che è anche assessore ai lavori pubblici, ha dichiarato che “non è in vendita, ma è prevista la valorizzazione e cioè la cessione del solo indice edificatorio. Neppure un metro cubo è previsto né realizzato in quell’area”.

Simona Simonetti contesta: “Il Puc approvato da questa amministrazione prevede nell’area di 12.500 mq in cui è compreso il parco la realizzazione di 7000 mc. Quindi questa amministrazione ha già previsto da tempo che l’area di Parco Fontana possa essere costruita”.

“Il rischio che Parco Fontana possa essere cementificato, privando la città di un area verde accessibile a tutti è accresaciuto dal piano delle alienazioni e valorizzazioni approvato dalla maggioranza nel consiglio comunale dello scorso 11 marzo. Il piano prevede per Parco Fontana un’entrata di 680.000 euro nel 2012 attraverso la valorizzazione dell’area. Il legislatore chiarisce cosa di intende per valorizzazione: ‘valorizzazione’ ossia la dismissione dell’area” osserva l’esponente del gruppo “Per Finale”.

“Nel documento – aggiunge Simona Simonetti – non è scritto che tale vendita prevede solo la cessione dell’indice edificatorio, né che il parco dovrà essere mantenuto, ragion per cui la giunta è autorizzata a vendere l’area per farvi costruire. Se questa amministrazione voleva solo cedere l’ indice o spostare la zona Parco in altra area doveva specificarlo più chiaramente. Il gruppo ‘Per Finale’ sarebbe molto contento di scoprire che in realtà la giunta non intende privare Finale di un area verde fruibile da tutti i finalesi, ma purtroppo la delibera approvata non fornisce garanzie in tal senso”.

“Anzi – conclude – la delibera di giunta afferma testualmente che ‘l’inserimento degli immobili nel piano ne determina la conseguente classificazione come patrimonio disponibile e ne dispone espressamente la destinazione urbanistica’”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Resist

    Caro Iron….forse si riferisce a Castellazzi portiere dell’INTER????
    Insisto…. Lei non sa nulla del Consiglio Comunale di Finale.

  2. IronMan
    Scritto da IronMan

    @Resist . . . il consiglio comunale di Finale Ligure ho l’occasione di seguirlo, e in merito agli interventi di Castellazzi NON se ne hanno traccia da due anni !! Se avesse occasione di vedere il consigliere di opposizione Castellazzi in giro per Finale, chieda un pò come mai di questa . . . rassegnazione !!

  3. Simona
    Scritto da Simona

    perchè cambiare discorso e parlare di villette in zone agricole o di isole ecologiche?
    questa articolo pone il problema di un parco giochi reso edificabile.
    Aver messo un indice di edificabilità ad un parco pubblico è un profondamente sbagliato: questo parco era di tutti. Mettere in vendita il parco è un ulteriore grave errore.

    Mischiare molti argomenti serve solo a non focalizzare i problemi. Se il vicesindaco vorrà scrivere un articolo sugli errori dei verdi, con affermazioni precise risponderò volentieri.
    Ma qualsiasi errore i verdi abbiano commesso non renderà meno grave la decisione della giunta Richeri di rendere edificabile un parco giochi pubblico attraverso il PUC per poi metterlo in vendita.

  4. Scritto da Resist

    @Iron,
    giustamente Simona approva l’alternativa alle “isole ecologiche” perchè nuovi metodi di raccolta differenziata, assolutamente necessari per il recupero energetico e di materie riciclabili, oggi la consentono.Mi riferisco ovviamente al “porta a porta”.
    Le “isole” quando vennero istituite(parecchi anni fa)miglioravano una situazione ancora peggiore e per tanti Comuni erano un notevole passo avanti.Ma i Verdi hanno sempre indicato(non ascoltati) una raccolta differenziata spinta.
    Che “Resist” critichi in negativo tutto quello che fa la Giunta di Finale non è assolutamente vero. E’vero che in ogni parte del mondo,dove esiste una Democrazia,l’opposizione ha il preciso dovere di mettere in risalto gli aspetti che non ritiene giusti.
    E’ peraltro evidente che “Iron” non segue da anni il Consiglio Comunale di Finale…avrebbe constatato la durissima opposizione effettuata da coloro che oggi siedono al tavolo della Giunta.

  5. IronMan
    Scritto da IronMan

    . . . e sì, i Verdi finalesi predicano bene, ma razzolano male !! @Simona si scaglia contro le isole ecologiche, ma non ricorda che erano state installate proprio con il loro consenso. . . @Resist critica tutto quello che fa la giunta Richeri, e poi in Consiglio comunale NON si anno tracce di sue interrogazioni ngli ultimi due anni (si vede che è più eco-chic criticare sui blog) . . . probabilmente rode ancora tanto la sconfitta !! poverini . . .