IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Paolo Marson su dimissioni presidente Amt Genova: “Tpl ancora penalizzata dalla Regione” foto

Più informazioni su

Savona. “La notizia delle dimissioni di Bruno Sessarego, presidente di Amt Genova, manager a cui desideriamo esprimere il nostro attestato di personale stima e di solidarietà – ha dichiarato l’assessore ai trasporti e alla logistica della Provincia di Savona Paolo Marson – costituisce l’ennesimo segnale di forte preoccupazione per i criteri con i quali viene gestito il tema del trasporto pubblico di persone nella nostra regione. Il fatto che una persona seria e professionalmente stimata come Bruno Sessarego sia stato costretto a rassegnare le proprie dimissioni, significa che il management di Amt Genova non ritiene di essere posto in condizione di affrontare il problema del risanamento di quest’azienda, la cui inefficienza e il cui disequilibrio economico sono – e va segnalato con fermezza – all’origine dell’intera questione del trasporto pubblico di persone nella nostra
regione”.

“Occorre porre con chiarezza (e se occorre anche con durezza) – ha ribadito l’Assessore Palo Marson – all’evidenza che il problema della gestione delle risorse in materia di Tpl non può essere seriamente affrontato se non si accetta di porre mano alla ristrutturazione e al risanamento dell’azienda che, da sola, assorbe la maggioranza delle risorse destinate a questo fondamentale servizio”.

“Questo processo è già stato compiuto – ha proseguito l’assessore – nella provincia di Savona e di ciò si deve dare doveroso atto ed è necessario trovi opportuno riconoscimento nelle scelte della Regione Liguria sulla ripartizione delle risorse di settore e doveroso riscontro in una rigorosa e draconiana politica di gestione di Amt Genova. L’attuale politica regionale, al contrario, non è ispirata all’ottemperanza di questo doveroso
impegno, ma si caratterizza per operazioni di mera alchimia contabile sulle risorse disponibili il cui unico obiettivo – come nel caso della recente paventata sottrazione delle risorse a Tpl – è quello di orientare le disponibilità finanziarie alla copertura delle inefficienze delle imprese che sono meno virtuose”.

“Appare incredibile, ad esempio, che la Regione Liguria paventi la sottrazione a Tpl di risorse che questa società aveva programmato di destinare al potenziamento della dotazione di mezzi per i disabili, evitando di consumarli in investimenti notoriamente senza ritorno e deficitari (tipo quelli sulla bigliettazione elettronica). Il tutto soprattutto al fine di spostare queste risorse su interventi straordinari a copertura delle inefficienze delle altre imprese di trasporto, che queste risorse hanno già utilizzato e dissipato senza ritorni di oggettivo rilievo qualitativo”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.