IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Pallavolo, B2: il Sabazia piega un coriaceo Collegno e allunga sul Parabiago foto

Vado Ligure. Sei punti di vantaggio a sei giornate dal termine. Un Parabiago in evidente declino, sconfitto anche dal Mondovì, vede il Sabazia andarsene. E la promozione in serie B1 è un traguardo sempre più vicino per il team del presidente Dario Zucchi.

Sabato sera i vadesi hanno regolato l’Arti Collegno, sodalizio che vanta un valido settore giovanile ma che ha faticato ad ambientarsi in serie B2, al punto da essere vicino alla retrocessione aritmetica. Gli ospiti, allenati da Enrico Bonardello, hanno però saputo mettere in difficoltà i vadesi in più frangenti, costringendoli a faticare per chiudere il match in tre set.

Il sestetto dei locali, privi di Furfaro, vede in campo Diolaiuti, Zappavigna, Colombini, Caldon, Ragosa, Parma; il libero è Andreis. I piemontesi si presentano con Serini, Bo Milone, Gulinazzo, Bruno, Pantano, Destefanis; libero Valentino.

Sul primo scambio c’è subito un’indecisione della ricezione ospite: 1 a 0. L’Arti Volley si porta avanti sul 2 – 3 con Destefanis che prima spara un lungolinea vincente, poi fa punto a muro. Il Sabazia pareggia poi Colombini batte lungo. I vadesi strappano applausi siglando il 5 pari con Ragosa che alza una precisa palla per Zappavigna, il quale la manda all’incrocio delle righe. Si va avanti in equilibrio. Parma sigla l’8 – 7; un ace di Serini riporta avanti l’Arti Volley. Un muro di Diolaiuti frena Destefanis: 10 a 9. In pratica, fino al 10 – 10, si toccano tutti i punteggi di parità.

A quel punto il Sabazia sferra l’allungo e trova il primo + 2 con un diagonale vincente di Diolaiuti. Va al servizio Colombini, Serini riceve lungo e Caldon è implacabile. Una gran botta di Diolaiuti sigla il 14 – 10 e Bonardello chiama il time-out. Al rientro un tocco intelligente di Bo Milone interrompe il break gialloblu. Si va alla pausa tecnica sul 16 – 12. Collegno si riporta sotto sul 17 – 15 con un muro di Destefanis su Diolaiuti, quindi lo stesso numero 18 ospite, grande protagonista tra i suoi, piazza il pallonetto del – 1. Enrico Dogliero chiama a raccolta i suoi. L’Arti Volley difende bene e Colombini deve picchiare sue volte per fare 18 – 16. Il Sabazia riprende a marciare e balza sul 20 – 16. Gulinazzo attacca fuori e sul – 5 Bonardello ferma il gioco. Ma non c’è niente da fare: muro di Ragosa su Destefanis e massimo vantaggio vadese. Un ace di Serini all’incrocio delle righe è l’ultimo acuto ospite. Dogliero chiama ancora time-out e, nonostante una gran difesa dei giocatori in maglia rossa, Colombini trova il mani fuori per il set point. Lo stesso numero 11 usa la stessa tecnica per chiudere i conti e il primo set va in archivio dopo 25′.

Un pallonetto di Parma apre le danze nel secondo set. Replica Bruno per l’1 – 1. Il Sabazia va sul 2 quando Serini attacca largo, ma i piemontesi pareggiano immediatamente a 5. Gli arbitri fischiano un doppio palleggio a Pantano; ma il Collegno va sul 7 – 7 con un muro di Destefanis. A questo punto le due squadre danno vita ad un lungo scambio che si chiude con un attacco vincente di Bo Milone che sfrutta il muro vadese. Il Sabazia pareggia ma il servizio di Ragosa si spegna sulla rete: 8 a 9. Il Collegno va sul + 2 quando ai gialloblu viene fischiato un fallo di posizione, quindi Bo Milone mette a segno un servizio vincente per il 10 – 13, battezzato lungo da Colombini. Dopo il time-out chiamato da Dogliero, Diolaiuti sfoga la sua rabbia con una potente schiacciata. Ma sul punto successivo viene murato. Un bel diagonale di Serini sigla l’11 – 15. Poi Diolaiuti in bagher alza al di là della rete e Serini non lo perdona. Sotto di 5 punti, Dogliero e Parodi attuano un doppio cambio. Entrano Suglia per Ragosa e Castellari per Diolaiuti.

La mossa dà gli effetti sperati. Caldon buca il muro avversario, va in battuta e, dopo un punto per un’invasione di Bruno, c’è l’ottimo lungolinea di Castellari. L’EcoSavona è già a 2 sole lunghezze dai rivali. Collegno attacca lungo, ma sul palleggio successivo Castellari mura fuori. I piemontesi resistono ad una schiacciata del numero 9 di casa e realizzano il punto del 15 – 18. Per il Sabazia c’è da soffrire. Colombini riceve, Caldon alza e il numero 11 gialloblu non sbaglia. Poi, però, Castellari attacca out: ancora – 3. Colombini accorcia con un mani fuori. A quel punto Dogliero toglie, per uno scambio, anche Suglia: nessun regista e in campo nuovamente Diolaiuti. La scelta non può essere giudicata perché Castellari serve lungo. Esce per far posto a Ragosa: riecco il sestetto titolare. Diolaiuti conclude positivamente uno scambio concitatissimo, sul quale non mancano le proteste ospiti. Time-out chiamato da Bonardello sul 20 – 21. Il Sabazia pareggia, ma Bo Milone sfrutta un tocco a muro e l’Arti Volley è ancora avanti. Diolaiuti attacca fuori, ma l’arbitro ravvisa un tocco di Gulinazzo: giocatori e panchina del Collegno reclamano ancora. E, alla ripresa del gioco, rimettono la testa avanti con un’astuzia di Destefanis. Caldon schiaccia con sicurezza: 23 – 23. Sul servizio dello stesso numero 12 Calabrese riceve male. Primo set point per i padroni di casa. Time-out ospite, poi un Destefanis mai domo pareggia i conti con Caldon che non riesce a tenere in ricezione. Colombini conquista la seconda palla set ed è lui stesso a chiudere i conti con un pallonetto, tra gli applausi del pubblico di casa, superiore alle cento unità. Il secondo parziale va in archivio dopo 31′ di battaglia.

Dopo un set perso in questo modo, ci si attende la resa definitiva della squadra più debole. E le fasi iniziali del terzo set sembrano confermare questa ipotesi. Quaglieri a muro realizza in primo punto, Destefanis pareggia, poi i vadesi vanno sul 3 – 1 con Colombini. Lo stesso Colombini va al servizio e Valentino in tuffo non riesce a ricevere. Il numero 11 di casa interrompe con un errore il suo turno in battuta, ma il Sabazia riesce ad andare sul 6 – 3 grazie ad un attacco fuori di Destefanis. Bo Milone accorcia sfruttando il muro gialloblu, ma la partita sembra nelle mani dei locali. Diolaiuti, con un preciso pallonetto, manda al tappeto gli avversari. A questo punto sale in cattedra il muro del Collegno: Pantano, Serini e Bruno stoppano i vadesi e il tabellone segna 9 – 7.

Ci pensa Colombini a sbloccare i suoi con una palombella che si spegne dove nessuno tra gli ospiti può arrivare. Sul 10 – 8 Bo Milone da posizione defilatissima piazza un diagonale che pare in campo, ma per gli arbitri non è così. Sul 12 – 10 entra Scolastico al posto di Zappavigna. Diolaiuti sfonda il muro di Bo Milone: + 3. Lo stesso numero 3 vadese manda fuori il servizio ma si riscatta realizzando il 15 – 11. Va in battuta Caldon che costringe Valentino ad una ricezione lunga, Scolastico ne approfitta. Massimo vantaggio Sabazia sul + 5. Ma il Collegno non ci sta. Parma non arriva a compiere una disperata difesa, poi attacca lungo: 18 – 16. Bruno mura Colombini e Dogliero, vedendo il vantaggio dei suoi ridotto ad 1 solo punto, chiama time-out. Alla ripresa del gioco i vadesi rimettono in campo la giusta concentrazione. Serini dà loro una mano sbagliando in battuta, poi Diolaiuti mura Bo Milone. Ora è il Collegno ad essere richiamato dal suo tecnico. Serve Colombini, Serini non tiene la ricezione: + 4 Sabazia. L’Arti Volley ritorna sul – 2, Diolaiuti realizza il 21 – 18. Entra Quaglieri al servizio e con un suo turno in battuta si va dal 21 – 19 al 24 – 19. Destefanis è l’ultimo ad arrendersi. Attacca per il – 4 e in battuta fa ace. Ma è l’ultimo sussulto. Dogliero non vuol rischiare, utilizza ancora la sua ultima pausa a disposizione e alla ripresa del gioco Diolaiuti spara di là il pallone del 25 a 21, chiudendo un set durato 26′.

Le formazioni con i numeri di maglia. Sabazia EcoSavona: 1 Scolastico, 2 Suglia, 3 Diolaiuti, 4 Libri, 5 Andreis, 7 Zappavigna, 8 Quaglieri, 9 Castellari, 11 Colombini, 12 Caldon, 15 Ragosa, 16 Parma. Arti Volley Collegno: 1 Valentino, 2 Calabrese, 3 Serini, 4 Bo Milone, 5 Gualano, 6 Gulinazzo, 7 Bruno, 9 Pantano, 10 Manetta, 11 Ferro, 12 Pederiva, 18 Destefanis. Hanno arbitrato Vittorio Salvini e Tiziana Lo Verde.

Domani alle ore 19,30 i gialloblu saranno in campo a Boves per affrontare la Bre Banca Lannutti Cuneo.

I risultati del 20° turno:
Saronno – Crf Surrauto Fossano 3 – 1 (25/22 26/28 25/22 25/20)
Sabazia EcoSavona – Arti Volley Collegno 3 – 0 (25/18 26/24 25/21)
Zar By Formenti Motta Visconti – Bre Banca Lannutti Cuneo 3 – 1 (25/19 25/14 26/28 25/22)
Sant’Anna Tomcar – Adolescere Voghera 3 – 0 (25/19 25/14 32/30)
Alba – Plastipol Ovada 3 – 0 (25/13 25/22 25/13)
Eurorenting Bruno Mondovì – Getfit Parabiago 3 – 2 (29/31 25/15 17/25 25/21 15/12)
Tuninetti Pneumatici Torino – Nuncas Soltec Chieri 1 – 3 (21/25 25/22 24/26 23/25)

La classifica del girone A:
1° Sabazia EcoSavona 55
2° Getfit Parabiago 49
3° Sant’Anna Tomcar 45
4° Eurorenting Bruno Mondovì 36
5° Tuninetti Pneumatici Torino 36
6° Saronno 35
7° Nuncas Soltec Chieri 33
8° Alba 32
9° Bre Banca Lannutti Cuneo 26
10° Crf Surrauto Fossano 25
11° Zar By Formenti Motta Visconti 18
12° Plastipol Ovada 12
13° Arti Volley Collegno 11
14° Adolescere Voghera 7

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.