IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Marson “l’indipendente” si presenta alla città: “Fuori dai giochi di partito e insieme ai cittadini” foto

Savona. Alla sua sinistra il coordinatore provinciale del Pdl, Santiago Vacca, alla sua destra uno dei pilastri savonesi del partito berlusconiano come Angelo Vaccarezza, eppure Paolo Marson non perde occasione per ribadire un concetto che deve stargli particolarmente a cuore: la sua è una candidatura indipendente. Appoggiata dal centrodestra, certo, ma non “succube” di giochi di partito.

Un leit motiv che accompagna tutta la conferenza stampa che ha sancito l’ufficializzazione della sua candidatura a sindaco di Savona in opposizione all’attuale primo cittadino, Federico Berruti, che tenta il bis. Non è il Pdl che lo appoggia, ma sono i cittadini a farlo; le amministrative non sono elezioni di partito, ma elezioni di persone; non si sente un candidato di partito, ma un candidato per la città. Frasi che Marson non si stanca di ripetere e di precisare.

“La mia è un’impostazione lontana dai partiti – dice – Ho chiesto indipendenza assoluta e mi è stata data. Non sento la mancanza di un controllo nè di una supervisione perché non ne ho bisogno. Più che il centrodestra credo sia i cittadini che possono vincere le elezioni e riapprorpriarsi di Savona: io spero di essere lo strumento per l’attuazione di questo cambiamento”.

“Ora si parte davvero e si arriva in cima – precisa Marson – Io punto sul fare le cose, sulla realizzazione di progetti, al contrario del sindaco uscente che non ha nulla nel suo carnet. Bisogna sottrarre Savona a questa combricola di partitocratici che, in questi anni, le ha impedito di crescere”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da apollo

    Non capisco perchè quelli del centro-destra si dichiarano indipendenti, quando si sa benissimo che dipendono da Lega e PDL( altrimenti non li candiderebbero)!! Anche le loro liste sono sempre” civiche”!!! Cos’è questa allergia ai partiti? Senza partiti non ci sarebbe neppure la democrazia. Berruti non nega certo di appartenere al PD, e gli elettori sapranno quali sono i valori ai quali si ispira e decideranno di conseguenza.

  2. Pinguino
    Scritto da Pinguino

    Aurelio Bianchi, puoi dire quello che ti pare – più o meno – su Berruti ma non ha mai detto di non essere del PD mi pare. A me questa presentazione di questo candidato come se fosse un grillino lontano anni luce dalla politica e che poi ha un assessorato non esattamente insignificante lascia alquanto sconcertato….

  3. Diabolik980
    Scritto da Diabolik980

    Roba da non credere con Vaccarezza seduto di fianco noto indopendente…. Pigliano una passata che se la ricordano finchè campano

  4. Scritto da Aurelio Bianchi

    Avete ragione, l’unico indipendente è davvero Berruti !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  5. leva1974
    Scritto da leva1974

    Per sottolineare ancor di più la sua “indipendenza” poteva fare la conferenza di presentazione anche con Scajola e Berlusconi…