IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Maersk, Matteoli gela Caviglia: “Il cantiere partirà a breve”

Vado Ligure. Un breve ma importante colloquio quello che c’è stato tra il ministro Altero Matteoli ed il primo cittadino di Vado Ligure, Attilio Caviglia, al quale ha preso parte anche il presidente dell’Autorità portuale di Savona Cristoforo Canavese. Al centro la realizzazione della piattaforma Maersk di Vado Ligure.

Il ministro alle infrastrutture era preparato e ha spiegato la posizione del suo dicastero e del governo sulla nuova infrastruttura portuale. Matteoli è stato molto diretto: “Per la Maersk i giochi sono fatti, il cantiere oramai sarà aperto in breve tempo”. Incassata la conferma il primo cittadino vadese ha auspicato che l’attenzione per la questione ambientale fosse mantenuta come prioritaria ed anche in questo caso il ministro ha precisato: “Sono stato ministro dell’ambiente, quando si parla di opere come quella della piattaforma o della stessa Tirreno Power il controllo ambientale è sempre uno dei passaggi principali”.

Matteoli si è poi soffermato proprio sul progetto di Tirreno Power, affermando che difficilmente il progetto verrà respinto: “Vado in questo momento è nell’occhio del ciclone con queste due operazioni, ma non si può non guardare allo sviluppo e soprattutto in un contesto di crisi come questo sarebbe difficile dire no ad un investimento come quello previsto dall’industria elettrica”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da juan

    visto che, a quanto pare, le dimissioni la nostra giunta non le vuole dare……..almeno si impegni affinche i lavori della piattaforma vengano eseguiti correttamente e controlli l andamento dei lavori ….amministrando la pioggia di soldi che il comune di vado percepira’ (perche’ ai soldi nessuno ha detto di no) cercando di non raccontare piu’ frottole ai cittadini ,….mi sembrerebbe un comportamento “quasi” corretto nei confronti di chi li ha votati solo perche’ raccontavano che l ampliamento portuale non si sarebbe fatto…….

  2. Scritto da Dimici

    Sono proprio curioso di vedere se il controllo ambientale sarà veramente il passo principale…. O almeno così diranno a noi, ma noi la verità non la sappiamo mai, possiamo solo immaginarla…

  3. Scritto da juan

    cari amici i giochi sono fatti,,,sia la piattaforma che i gruppi nuovi partiranno sviluppo e lavoro sostenibile,,,tutto con grande attenzione all ambiente..vado sara’ il fulcro economico dellaprovincia e non solo…sono grandi aspettative dei giovani e dei disoccupati che finalmente avranno delle speranze e dei sogni che si avvereranno ….comprarsi una casa ,.sposarsi ,fare figli e vivere una vita in cui non manchi niente,,,ne abbiamo tutti tanto bisogno…

  4. Scritto da acrobat2004

    “…dovrebbe partire” e non “parte”. Poi vedete un pò voi ma il significato é chiaro.

  5. Scritto da antonio gianetto

    Non è che raccontiamo belinate? ” Dovrebbe ” non vuol dire partirà:
    http://www.primocanale.it/viewvideo.php?id=38140