IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Le ricette del cuore della città di Alassio entrano nel “Granaio della memoria” di Slow Food foto

Più informazioni su

Alassio. Il memorial Bartolomeo Marchiano rientra a pieno titolo nel progetto  “Granaio della Memoria” lanciato da Carlo Petrini in collaborazione con Terra Madre programma di Slow Food che raccoglie testimonianze di civiltà da tutti gli angoli del mondo. E’ grazie all’impegno dell’associazione Vecchia Alassio e delle botteghe storiche come la pescheria Bongiovanni di Alassio, che ricette come la Ventre, il Cappon Magro e gli Zerri all’alassina non andranno perdute, ma diventeranno patrimonio comune anche per l’impegno dei nonni dei borghi della Città del Muretto.

Martedì 15 marzo la seconda sfida ai fornelli vedrà impegnati gli alunni dell’alberghiero di Alassio e i custodi delle ricette del Centro con il Cappon magro e del  borgo  Barusso con la Cima; i piatti saranno accompagnati dai vini bianchi, Vermetino e Pigato, della cantina  Alessandri Massimo. “L’obiettivo primario del memorial – dicono gli organizzatori – è quello di consentire alle giovani generazioni di riappropriarsi della civiltà gastronomica locale, attraverso la riscoperta delle origini, per conservarne i valori ed i sapori, e poterli trasferire, come patrimonio culturale, alle generazioni future di chef”.

La  sfida “ai fornelli”, che vedrà competere gli alunni dei corsi di cucina e sala, coadiuvati dai custodi della sapienza culinaria,  coinvolgerà anche le scuole di I grado del Comune di Alassio con conferenze tenute dal prof. Andrea Gallea e dal rappresentante di Slow Food, Alessandro Scarpa.

L’evento è organizzato con il contributo del Comune di Alassio, assessorato alle politiche sociali, della fondazione Marchiano, della Conad, della Vecchia Alassio, con il patrocinio di Regione Liguria, Provincia di Savona, in collaborazione con Sloow Food, Associazione Albergatori di Alassio e Laigueglia, Tgevents.it ed Eccoci Eventi e coordinato dai docenti Antonella Annitto, Franco Laureri, Monica Barbera, Norberto Andreoni, Paolo Madonia, Michela Calandruccio, Agnese Bove, Francesca Gilli, Rita Baio e Katiuscia Giuria.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Paolomad

    Questi sono i progetti con una grande valenza formativa e professionalizzante che con la nuova riforma del Ministro gelmini ( volutamente in minuscolo) in futuro non saranno più realizzabili.