IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Ladri di nuovo in azione a Finale: rubati gioielli ed i trofei di Mariani, ex calciatore del Savona

Finale L. Topi d’appartamento ancora in azione a Finale Ligure. Dopo il furto messo a segno, lo scorso primo marzo, in via Abba, sabato pomeriggio, intorno alle 18, hanno colpito in una villetta di via Forti di Legnino II. Anche in questo caso, approfittando dell’assenza dei padroni di casa, il ladro (anche se è probabile che non abbia agito da solo), ha forzato una finestra ed è entrato nella casa.

Il malvivente, che forse pensava di poter trovare solo gioielli d’oro e pietre preziose, nel salotto della villetta, ha però notato anche dell’altra refurtiva che ha ritenuto di valore e che non ha esitato a portare via. Nella casa presa di mira infatti abita la vedova di Giulio Mariani, ex giocatore e capitano del grande Savona degli anni 50-60, deceduto da più di una decina di anni, che in una vetrina custodiva tutti i trofei del marito. Nella bacheca erano conservate numerose medagliette d’oro ed altri trofei vinti dal calciatore nel corso della sua carriera. Oggetti che, oltre al valore economico, avevano per la famiglia Mariani soprattutto un grande valore affettivo. I carabinieri, intervenuti dopo il furto, stanno cercando di raccogliere elementi utili all’individuazione dei responsabili.

Giulio Mariani iniziò a giocare nel Savona nel 1953, appena diciassettenne, proveniente dalla Finalborghese, nella quale era cresciuto. Con la casacca biancoblu, vestita per dodici stagioni, fu uno dei protagonisti e senza dubbio il trascinatore della mitica compagine dominatrice dei campionati di serie C negli anni ’50-’60, la stessa con la quale, come capitano, inaugurò nel 1959 lo Stadio Bacigalupo contro il Torino di Bearzot.

Mariani, che ha collezionato ben 286 presenze con gli Striscioni, fu convocato più volte nella Nazionale di Categoria e appetito da alcune squadre di serie A (Samp, Atalanta, Torino). Non spiccò mai il grande salto perché all’epoca si firmavano vincoli a vita. Concluse la carriera nella Sanremese e per molti anni è stato apprezzato come allenatore in molte squadre della nostra provincia.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. pirata
    Scritto da pirata

    Più sicurezza nel finalese non guasterebbe … C’è qualcuno che vigila su questo enorme comune???