IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Incidente nel Bresciano: deceduti i pallanuotisti Nicolò Morena e Francesco Damonte foto

Bergamo. Un tamponamento avvenuto nelle prime ore di questa mattina sull’autostrada Brescia – Milano, in località Cazzago tra Ospitaletto e Rovato, è costato la vita a Nicolò Morena e Francesco Damonte, due giocatori di pallanuoto della Rari Nantes Savona che in questa stagione erano in prestito al Bergamo, squadra di serie A2.

Morena, 21 anni, residente a Mallare, e Damonte, 20enne di Arenzano, erano a bordo di una Fiat Stilo guidata da un altro ragazzo che è riuscito a mettersi in salvo.

Il tragico incidente, nel quale sono rimaste ferite altre quattro persone, tra cui tre bergamaschi (uno con 40 giorni di prognosi), è accaduto intorno alle 5 e sono state ben sei le auto coinvolte. Secondo una prima ricostruzione, il primo scontro ha interessato un autoarticolato sloveno che ha tamponato una Fiat Panda. Il camionista è rimasto illeso e il conducente dell’utilitaria ha accusato soltanto ferite lievi. Il tir si è fermato in prima corsia, mentre la Panda è finita nella scarpata a bordo strada.

Da qui è precipitata la situazione. Poco dopo il primo impatto, infatti, è arrivata la Fiat Stilo su cui viaggivano anche i due giovani liguri, guidata da un bergamasco di 24 anni, che ha centrato il camion. L’auto si è quindi ribaltata finendo in terza corsia. Il conducente è riuscito a uscire dall’auto, praticamente illeso, mentre i suoi amici, Morena e Damonte, che erano ancora tra le lamiere, sono stati investiti da un’altra vettura. L’impatto è stato violentissimo e fatale per i due ragazzi. Sul posto sono intervenuti la stradale di Seriate, i vigili del fuoco, i soccorsi meccanici e il 118 di Brescia, ma per loro non c’è stato nulla da fare.

Francesco Damonte, difensore dotato di un buon tiro, era in prestito per il primo anno a Bergamo. Proprio ieri aveva realizzato un gol nella trasferta vittoriosa di Vigevano per 11-9. Nicolò Morena, al suo secondo anno a Bergamo, era invece un centrovasca, un buon ricambio dei titolari.

Erano stati dati in prestito per questa stagione dalla Rari Nantes alla Pallanuoto Bergamo, squadra che milita in A2. Nicolò Morena aveva iniziato giovanissimo a giocare a pallanuoto come il fratello Tommaso, altro atleta della Rari Nantes Savona. Era suo compagno di squadra anche Francesco Damonte che con il fratello Luca aveva un amore smisurato per la waterpolo, disciplina che aveva portato il padre a diventare allenatore.

Anche la società biancorossa, sconvolta, è in lutto per questa tragedia: “Tutta la Rari, sconvolta e addolorata da questo tragico fatto – si legge in una nota -, si stringe alle famiglie di Francesco e Nicolò”. “Per la nostra squadra e per la nostra società – ha detto l’allenatore della prima squadra, Claudio Mistrangelo- è un momento dolorosissimo. Siamo davvero rimasti sconvolti da questa notizia. Erano due ragazzi davvero molto in gamba, delle vere promesse della pallanuoto”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.