IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

I sindaci di Bormida, Mallare e Pallare: “L’Unione dei Comuni diventerà la Provincia della Valbormida”

Valbormida. “Abbiamo forti dubbi e perplessità sulla costituenda Unione dei Comuni della Valbormida pur condividendo lo sforzo per assicurare i servizi già effettuati dalla Comunità Montana e il mantenimento del personale, ci sembra che in nome dei principi di mantenimento dell’unitarietà dell’impianto sia politico che amministrativo si stia decretando l’annientamento dei piccoli Comuni, in spregio ai più elementari principi di democrazia che per scelte del genere dovrebbe vedere coinvolte le popolazioni interessate. A noi sembra che dal basso si stia costruendo un impianto di rappresentatività che neanche a Roma avevano lontanamente pensato di attuare”. A dirlo sono Bruna Cambise, sindaco di Bormida, Piero Giribone, sindaco di Mallare e Sergio Colombo sindaco di Pallare.

“A noi sembra più opportuno arrivare ad una stipulazione di convenzioni per la gestione in forma associata delle funzioni già delegate alla Comunità Montana e rimaste nella competenza dei Comuni. L’inserimento di tali funzioni nelle competenze di una Unione di ben 40 mila abitanti con un’estensione territoriale di circa 534 Kmq va ben oltre il dettato legislativo nazionale che, per i comuni montani, fissa in meno di 3 mila abitanti tali forme di associazionismo” proseguono i sindaci.

“Nella malaugurata ipotesi di un accoglimento di questa proposta da parte della Regione, assisteremo alla scomparsa dei piccoli comuni inferiori a 3 mila abitanti in quanto l’Unione gestirebbe tutti i servizi e deciderebbe sugli interventi da eseguire nei comuni nonché le priorità. Il Comune non disporrebbe nemmeno delle risorse necessarie per intervenire in situazioni di emergenza, in quanto quasi tutte le risorse devono essere trasferite obbligatoriamente all’Unione come i servizi. Il singolo  Comune gestirebbe forse il 30 per cento della parte del bilancio destinata ai servizi generali, sufficiente per tenere aperto uno sportello al pubblico due giorni alla settimana e per mantenere in essere un Consiglio Comunale e una Giunta svuotati da ogni potere decisionale”.

“Ci si chiede poi, i Comuni superiori a 3 mila abitanti gestiranno i loro servizi in forma associata o decideranno sui nostri servizi? Forse per questo caldeggiano in maniera così entusiasta la costituzione dell’Unione, preoccupandosi solamente della sede e non contribuendo ad approfondire questi elementi che, tra l’altro, dovrebbero essere fonte di preoccupazione da parte di quei piccoli comuni che stanno decretando, con pari entusiasmo, la loro scomparsa senza interpellare i cittadini che li hanno eletti. L’Unione diventerà la Provincia della Valbormida, ma non ci avevano detto che le Province dovevano essere eliminate?” concludono Bruna Cambise, Piero Giribone e Sergio Colombo.

Nella foto il sindaco di Pallare, Sergio Colombo.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Eugenio-P.

    @Bandito il suo nick è già tutto un programma.. comunque Le ricordo che mentre molti Sindaci della futura Unione hanno rinunciato all’indennità/viaggiano a € 700 al mese , lei sa quanto guadagnerà il Presidente dell’Unione (€ 7/8.000 al mese)..e i servizi quanto ci costeranno? e perchè io che vivo a Calizzano devo andare a Cairo per un certificato?

  2. Bandito
    Scritto da Bandito

    Da quanto ho letto è evidente cosa brucia a questi signori, non avere i soldi per una giunta, un consiglio ed evidentemente anche un sindaco, tanta gente che dovrebbe tornare a lavorare. I comuni piccoli vanno accorpati, e se ci saranno meno politici e dirigenti a vivere da parassiti meglio.

  3. Scritto da cairesedoc

    Il problema è che non si fidano dei comuni più grandi.
    A ragione, visti gli scandali che hanno coinvolto i funzionari del comune di Cairo.

  4. Scritto da Eugenio-P.

    @ Lettore attento: Non mi sembri molto attento…….. Si parla di una Unione di ben 40.000 abitanti…….altro che evoluzione , qua si tratta di salto nel buio!

  5. IronMan
    Scritto da IronMan

    FEDERALISMO COMUNALE ED ACCORPAMENTO DI TUTTI I COMUNI SOTTO I 5000 ABITANTI !!