IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Giovani, dall’uso all’abuso di alcol: se ne parla al teatro Sacco

Savona. La cooperativa “Il Faggio”, da trent’anni ormai impegnata nel sociale e nel sanitario e che per questo è attenta all’emergere di nuovi fenomeni o al loro mutamento, ha organizzato presso il Teatro Sacco di Savona domani, venerdì 25 marzo, una giornata di studi dal titolo “Alcol e giovani: un fenomeno in cambiamento”, per analizzare come sia cambiato negli ultimi anni il modello del bere in Italia.

Il consumo di alcol fra i giovani infatti è attualmente un fenomeno preoccupante e in forte incremento a livello internazionale e nazionale. La cultura del bere fra i giovani è passata da un modello di assunzione così detto 2mediterraneo’, con assunzione di vino come parte integrante dei pasti e collegata alla convivialità, ad un modello di tipo ‘anglosassone’, con abuso di birra e superalcolici concentrato in singole occasioni. Le evidenze dimostrano che bere alcolici (birra e superalcolici) fuori pasto è la modalità caratterizzante per le giovani generazioni ed inaspettatamente elevata anche fra i quattordicenni.

In Italia il 74% dei ragazzi tra i 15 e i 24 anni dichiara di aver ecceduto nel bere almeno una volta negli ultimi tre mesi. Inoltre i giovani, pur manifestando buone capacità nell’identificazione dell’alcol come sostanza potenzialmente dannosa per lo stato di salute, dichiarano espressamente di non possedere esperienza e abilità sufficienti per discriminare la dimensione di ‘ambiguità’ delle bevande alcoliche e con essa il limite oltre il quale l’uso si trasforma in abuso. “Anche per questo – dicono dalla Cooperativa “Il Faggio” – è necessario che le istituzioni, la scuola e i genitori siano informati e preparati a fronteggiare questo fenomeno emergente soprattutto per arginare i messaggi che impropriamente in maniera diretta e in maniera indiretta inviano i media, che propongono il consumo di bevande alcoliche associandolo frequentemente a situazioni di divertimento ed a protagonisti con con personalità positive contribuendo a normalizzare la cultura del bere”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Dimici

    Appunto, se la pubblicità su scala nazionale associa l’alcol al divertimento, come pretendiamo che i ragazzini di oggi non ne facciano uso? E comunque l’uomo in generale ha piacere a distruggersi, vedi le sigarette…