IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Galoppino della droga per arrotondare: insospettabile in manette con tre marocchini foto

Più informazioni su

Albenga. “Con la crisi, ho accettato questo ‘secondo lavoro’ per arrotondare lo stipendio”. Questa la giustificazione addotta da Paolo Ferro, incensurato e insospettabile di 56 anni, arrestato dai carabinieri della Compagnia di Albenga per traffico di cocaina nel corso dell’operazione “Confidence”. Dietro la scusa paradossale, però, gli inquirenti hanno scoperto un giro d’affari elevatissimo con cifre iperboliche.

La confidenza, da cui il nome dell’operazione, era quella attribuita da tre immigrati marocchini all’italiano, del quale si fidavano pienamente per il trasporto di grossi quantitativi di droga da Milano alla Riviera di ponente. L’uomo aveva un compito preciso: con una Citroen C2, peraltro di proprietà dell’azienda da cui dipende, faceva viaggi ricorrenti nel capoluogo lombardo, dove per qualche ora lasciava l’auto ai responsabili del rifornimento di stupefacenti. Quindi la riprendeva e tornava nell’Albenganese per la consegna. La spola era effettuata ad un ritmo di tre o quattro volte al mese.

I carabinieri nel suo ultimo viaggio lo hanno intercettato con 260 grammi di cocaina in pietra, occultati, all’insaputa del vettore stesso (che non si occupava di dove la droga venisse nascosta), dietro al contachilometri. Questo quindi il “secondo lavoro” di Paolo Ferro, stroncato dai militari dell’Arma che hanno così arrestato i tre marocchini coinvolti nel giro losco, tutti pregiudicati: Abdelaziz El Kettani, di 25 anni, Jaouad Mziouira, di 30, e Mohammed Morchid, di 28.

In particolare, un carabinieri della zona di San Fedele si è insospettito per un insolito via vai sulla Provinciale 6 tra Lusignano e Villanova, da tempo interrotta per la frana. Da qui è scattata l’indagine, con appostamenti, monitoraggio e anche filmanti da parte delle forze dell’ordine. Nella notte sono stati effettuati gli arresti.

Ingente il quantitativo di sostanze stupefacenti trasportate: in media un chilo alla settimana che, raffinate, potevano fruttare alla banda sui 200 mila euro al mese. La cocaina era destinata alla Piana ingauna, al comprensorio e alle principali piazze di smercio liguri. Per il “galoppino” italiano, però, il compenso era fisso: 1000 euro a viaggio.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Dimici

    Ragazzi state tranquilli…. Tra due giorni siete fuori e potete ricominciare a spacciare tranquilli! E magari aiutare qualche altro “povero cristo” ad arrotondare lo stipendio…

  2. Scritto da francone

    Praticamente certa gente la prendono solo per caso,altrimenti non ci sarebbe speranza…

  3. Scritto da martello

    purtroppo saranno fuori tra poco…dato che sono stati arrestati solo una decina di volte negli ultimi anni…..

  4. saetta
    Scritto da daitarn

    Grazie ai CC che cercano sempre di togliere di mezzo questo veleno e chi lo vende!!
    E soprattutto bravo a chi, come quel CC di San Fedele, ha avuto la cortezza di accorgersi di movimenti sospetti e segnalarli a chi di dovere per lo sviluppo d’indagini.
    Sono forti i ragazzi del nucleo operativo di Albenga!

  5. Giudice
    Scritto da Giudice

    Un altro ottimo lavoro dei CC. E bravo anche il CC di San fedele che si è insospettito fornendo un’ottima base di partenza per le indagini.
    Speriamo di esserci liberati da questa delinquenza per un lungo periodo.