IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Francesco Rutelli a Savona: “Con Berruti buon feeling, Api darà contributo di equilibrio” foto

Savona. “A Savona Alleanza per l’Italia ha buone possibilità di costruire consenso della forza moderata e riformista”. Così Francesco Rutelli durante il suo intervento nella città della torretta a sostegno di Federico Berruti e della coalizione di centrosinistra che appoggia la ricandidatura del sindaco uscente nella tornata elettorale di metà maggio.

“Molti esponenti della Margherita che hanno avuto risultati importanti nel tempo sono a sostegno del sindaco – ha detto il leader nazionale dell’Api – Vogliamo essere vicino al sindaco e alla sua squadra di governo e contribuire sul piano politico perché questa coalizione sia equilibrata. Ho avuto con Berruti buon feeling durante una conversazione che si è rivelata concreta. In Liguria stiamo crescendo e questo sarà un buon test”.

Ancora in forse la lista unica con il partito di Casini per le amministrative savonesi. “Stiamo ragionando con l’Udc su come collaborare qui a Savona e nel giro di una settimana decideremo se conviene correre con due liste separate o autonomamente” ha sottolineato Rutelli. “La linea dell’Api – ha aggiunto – è quella di presentare credibilmente candidature del nuovo polo e dove è possibile lo facciamo, ovvero nelle grandi città. Laddove invece ci sia un’esperienza di governo che ci appare convincente e cui si possa aggiungere un contributo di buon governo, di rafforzamento e di miglioramento, ci impegnamo in questo senso con convizione ed è quello che accade qui a Savona”.

Rutelli non è entrato nel merito dei problemi strettamente locali, come la progettazione costiera della Margonara o la cementificazione. “Sono i nostri esponenti sul territorio che lavoreranno su questi temi. L’esperienza da sindaco e da amministratore è quella di cercare il punto di equilibrio tra sviluppo economico-occupazionale e tutela ambientale. Non c’è dubbio che alcuni freni allo sviluppo non compatibile bisogna darli” ha commentato il leader dell’Api.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Dimici

    Cercare il punto di equilibrio tra sviluppo economico-occupazionale e tutela ambientale… Classico discorso da politico… Leggendo tra le righe: sedersi in un ufficio a prendere i soldi dei contribuenti senza fare nulla di tutto quello che si era promesso in fase di campagna elettorale…

  2. hi-tech
    Scritto da hi-tech

    ..No no non è per niente morto, caro coordinatore loanese, è vivo e vegeto e con gli alleati della sinistra prepara la Liberazione.
    Invece, a quanto il mezzo morto che viene tenuto in vita è proprio il tuo “partito” i cui esponenti del governicchio, per non “finire sotto”, sono costretti ad andare nei banchi del Parlamento per votare (salvo poi arrivare tardi e farsi bacchettare dal Prof. Fini). Cio’ in quanto nonstante la campagna acquisti scilipotica e gli pseudo-responsabili in saldo, i numeri sono sempre scarsini…
    In provincia di Savona, la situazione non è piu’ rosea… siete alla canna del gas e, tra fughe eccellenti e liti intestine (mai termine fu piu’ appropriato…), l’affanno mi pare davvero preoccupante. I vani sforzi di arruolare l’UDC sono finiti miseramente con una bella porta in faccia e le elezioni si avvicinano…A parte Savona, ove la disputa nemmeno si combattrerà, anche le vostre “roccaforti” storiche pare stiano vacillando.
    Come vedi, prima di parlare occorrerebbe guardare in casa propria…
    Ho notato che è tornato di moda un vecchio quanto mai attuale uso tra la gente che non ne puo’ piu’: il lancio delle monetine che tempo era riservato ai socialisti…
    Oggi lo si fa anche con gli ex-missini-riconvertiti-all’aziendalismo.
    Molto rappresentativo…

  3. aratro e spada
    Scritto da aratro e spada

    Perchè l’armata Brancaleone “Prodi 2006” non era formata da comunisti e cattolici della sinistra moderata? A Savona fanno lo stesso, la grande ammucchiata premia sempre e così Rutelli (l’Api) a Savona vogliono vincere, non essere con un terzo polo sicuramente perdente.

    Non condivido e non condividerò mai la mania dei politici locali (di destra e sinistra) di portarsi dietro il fantoccio, il grande politico, che viene dalla Capitale. La credibilità si conquista con i fatti, non con l’esposizione di fantocci.

  4. james bond
    Scritto da james bond

    @ hitech, Il tuo caro partito della nazione non doveva esser composto da UDC API e FLI? E presentarsi come “terzo polo”?
    Come mai a savona l’udc e l’api sono alleati con la sinistra e il povero FLI è abbandonato a se stesso? PdN … Nato già morto?

  5. Carlo M.
    Scritto da Carlo M.

    Volevo sapere da Rutelli come si trova ad essere alleato non dico con il Pd ma con Rifondazione Comunista? Ha già dimenticavo..per una poltrona in Giunta…