IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Emergenza profughi, attivata la rete Sprar. Vinai: “E’ un obbligo l’accoglienza per i rifugiati”

Regione. Scatta lo Sprar, il sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati gestito dai Comuni, per fare fronte all’emergenza profughi. Pierluigi Vinai, segretario di Anci Liguria, sgombra subito il campo dalle possibili confusioni: “Non si tratta di immigrati né si tratta di irregolari, ma stiamo parlando di rifugiati. Abbiamo un obbligo all’accoglienza, non una facoltà. I rifugiati hanno uno status giuridico ben preciso e corrispondono ad un profilo etico, che discende direttamente dalle Nazioni Unite. Le amministrazioni sono chiamate obbligatoriamente a dare una risposta all’emergenza”.

Lo stesso Sprar viene riconosciuto a livello europeo. L’accoglienza dei profughi in fuga dal Nord Africa e dalla crisi libica sarà gestita attraverso una rete territoriale. “Siamo in una fase di urgenza con un iter non ancora definito – spiega Vinai – Stiamo attendendo indicazioni circostanziate dal Ministero dell’Interno, tuttavia gli enti locali si stanno già adoperando per essere pronti. Faremo anzitutto una riunione tra Regione, Anci e Unione Province d’Italia alla quale inviteremo i maggiori Comuni della Liguria per capire che risposta dare all’emergenza”.

L’assistenza sarà quella di primo livello: vitto, alloggio, supporto medico-sanitario. “Sarà in atto il sistema Sprar che vede il coinvolgimento di Nazioni Unite, Viminale, Regione, Associazione Nazionale Comuni Italiani e Upi – sottolinea Pierluigi Vinai – Sarà operativa una rete territoriale con tutte le strutture di volontariato, ma anche con la partecipazione degli enti camerali, dei sindacati, delle associazioni di categoria”. “I rifugiati non sono immigrati semplici – conclude – E’ il territorio che non può esimersi dalla gestione della presenza dei rifugiati”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. pirata
    Scritto da pirata

    Una cosa è sicura, criminalità in aumento! Come se non ce ne fosse già abbastanza … poveri noi italiani, che fine faremo???

  2. Scritto da freeholly9

    dartagnan la situazione che descrivi tu è già un buon affare.
    A varazze ripeto,c’è un centro di accoglienza per rifugiati.Qualcuno me lo può confermare???
    Mi è stato riferito,da una persona che conosce una persona che a sua volta conosce una persona che dice di conoscerne uno di questi,che è pieno di ragazzi della costa d’avorio,che hanno 24-25 anni.Arrivati in italia sapevano già come era la faccenda e così,essendo senza documenti,hanno dichiarato 17 anni per rientrare sotto la protezione che si riserva ai rifugiati politici minorenni.
    Questi ragazzi sono mantenuti da anni con vitto e alloggio,stanno svolgendo dei corsi di formazione gratuiti e verranno assunti a tempo indeterminato.Alla coop ad esempio.
    E noi fatichiamo a trovar un posto di lavoro, una casa,arrivare a fine mese.
    come mai?
    vi sembra giusto?
    e’ inutile che Vinai venga a dirci che non possiamo sottrarci a questi ruoli.Bisogna vedere intanto se sussiste lo status quo di rifugiato:
    -chi vince la guerra in Libia
    -se vengono perseguitati (NB: se vincessero i ribelli i rifugiati sarebbero quelli di Gheddafi nota molto bene)
    -se sono libici
    -come mai tutti uomini
    SI RIPRODUCONO PER SCISSIONE?
    -situazione delle carceri libiche,tunisine,marocchine ed egiziane.
    con tanto di identikit,impronte digitali e quant’altro per poter rintracciare tutti gli infiltrati.
    …dopodichè….
    se e con tanti se…se proprio dobbiamo…pigliamoceli.
    ma al primo sgarro, via in africa da dove son venuti.

  3. Scritto da Dimici

    Io continuo a chiedermi una cosa: se accogliere i rifugiati è un obbligo dettato dalle Nazioni Unite, come mai rimangono tutti in Italia, mentre alla frontiera francese li cacciano via??? La francia non fa parte delle Nazioni Unite???

  4. fabryd
    Scritto da fabryd

    Hanno detto che quelli che hanno chiesto asilo politico fino ad ora sono una 15ina su 5000… va bene accogliere i rifugiati, ma gli altri 4985 clandestini che vengano rimpatriati prima possibile…

  5. Scritto da freeholly9

    una informazione…che fine fanno questi rifugiati?vengono,mangiano,dormono vanno dal dottore e poi?ripartono?vanno a lavorare?