IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Elezioni Savona, Anselmo (Pcl) sui titoli Swap: “Quanto ci ha rimesso e rimette il Comune?”

Savona. Simone Anselmo, candidato sindaco del Partito Comunista dei Lavoratori e i candidati al consiglio comunale chiariscono la propria posizione sulla visione politica del ruolo degli enti locali in Liguria e, in particolare, nel Comune di Savona.

“È fondamentale, alla vigilia del confronto elettorale del maggio 2011, insistere sulla necessità dell’affermazione di una forza politica concreta e alternativa in grado di opporsi alle conseguenze inevitabili del cosiddetto ‘federalismo demaniale’ e dell’affrettata modifica del Titolo V della Costituzione varata dal centrosinistra, in conclusione di legislatura, cinque anni fa” afferma Anselmo.

“All’interno del quadro di deficit democratico dell’Unione Europea, non è possibile confrontarsi con le urne senza affrontare questi temi – prosegue – Soprattutto oggi e soprattutto a Savona, dove l’amministrazione uscente del sindaco Federico Berruti ha dimostrato, in maniera abbastanza qualunquistica, di accondiscendere ad una logica meramente quantitativa di taglio, tutto sommato, di matrice leghista”.

Conclude Anselmo: “Prima di valutare la ricandidatura di Berruti è necessario, a nostro avviso, che l’amministrazione uscente palesi la realtà dei conti del bilancio comunale. In particolare riguardo tre punti. Le dismissioni di importanti proprietà comunali, come nel caso del palazzo della Banca d’Italia di Piazza Mameli, il cui incasso viene utilizzato per la gran parte per le spese correnti, anziché per investimenti (cediamo i gioielli di famiglia per pagare il panettiere sotto casa, in sostanza). In secondo luogo il bilancio che presenta come poste attive l’importo di vendite di altri gioielli di famiglia (l’eterno Palazzo Pozzobonello, ad esempio) che non sono venduti, ed i cui importi (di conseguenza) non sono mai stati incassati. Infine, in terzo luogo, la quantità esatta di titoli a rischio, i cosiddetti Swap, presenti nel bilancio del Comune di Savona, con una relazione pubblica sull’andamento effettivo dei titoli. Insomma, quanto ci ha rimesso e rimette il Comune rispetto a questo tipo di operazioni?”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da AT

    In realtà proposte concrete le fa eccome: :-D

    1.) Esproprio proletario delle case sfitte (che ha dichiarato nel primo intervento e poi mai più ribadito, evidentemente qualcuno deve avergli toccato il tempo !!!);

    2.) Assunzione di tutti i precari del comune di Savona !!!

    Sarei curioso di sapere che differenza c’è tra quest’ultima proposta e quella di Marson di raddoppiare il numero di vigili urbani, a parte la clamorosa marchetta.

    (per prevenire chi ha lo humor raso terra premetto che il tono del post è decisamente sarcastico)

  2. Roonf-Pirates
    Scritto da Roonf-Pirates

    FACILE,fare una campagna elettorale su queste basi,ma gli argomenti che proponete dove sono??Come al solito il nulla,se non attacchi demagogici basati sul lavoro altrui.