IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Elezioni, il Pdl chiude le porte all’Udc: “Nessuna alleanza a ponente”

Savona. “Prendiamo atto della posizione dell’Udc per le comunali di Savona, una decisione che implica la chiusura del Pdl a qualsiasi ipotesi di alleanza con il partito centrista negli altri comuni del Savonese che andranno al voto”. Così il coordinatore provinciale del Pdl Santiago Vacca parla dell’ormai imminente accordo tra Udc e centrosinistra, dopo le esternazioni del segretario regionale Rosario Monteleone.

“E’ l’Udc che ci ha chiuso la porta, riconcorrendo la formula delle scorse elezioni regionali. Abbiamo proposto un accordo-quadro per queste amministrative, basate su ideali e programmi per i comuni, abbiamo lanciato un tavolo di confronto, inoltre abbiamo dato anche disponibilità ad una apertura all’Udc per la Provincia, invece loro hanno rifiutato e hanno scelto uno schieramento nel quale trovo illogico la presenza di un partito che si definisce centrista” ha aggiunto Vacca.

Quanto alle alleanze nel ponente: “Impossibile dialogare, non si può andare nel comune capoluogo in una coalizione e a pochi chilometri di distanza nello schieramento opposto. Siamo convinti che ci siano parecchi malumori nell’elettorato e nei coordinamenti cittadini dell’Udc per la decisione presa dai vertici regionali dell’Udc: il voto moderato e centrista sarà dalla nostra parte” ha sottolineato il coordinatore Vacca.

Quanto all’annuncio ufficiale di Paolo Marson candidato sindaco: “Aspettiamo una sua decisione definitiva, auspichiamo che possa rappresentare quella figura forte e autorevole capace di garantire il cambiamento per Savona”. Tra una settimana, o al messimo dieci giorni, secondo quanto appreso dal diretto interessato, Paolo Marson scioglierà le ultime riserve per annunciare la sua candidatura a sindaco di Savona.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da gianna

    ma vacca non avevi detto niente udc a ponente???’ e la amelotti compagna di giancarlo garassino (consiglire provinciale udc) cosa ci fa in lista con pignocca? tra l’altro ha dichiarato piu volte che rappresenta l’udc….

  2. alberto.peluffo
    Scritto da alberto.peluffo

    Baciccia ha perfettamente ragione: trasferire le logiche partitiche in ambito locale, soprattutto nei piccoli comuni, è una follia. E’ vero che le liste devono avere una loro omogeneità, ma questa si esprime nel programma, non nelle enunciazioni ideologiche. Imporre candidati di partito anche nei centri minori, come Spotorno, dove pochi votano secondo logiche di schieramento, significa rischiare di consegnare ai comuni amministrazioni di stretta osservanza partitica, ma incapaci di governare. Per fortuna, poi ci pensano gli elettori a scegliere bene.

  3. Baciccia
    Scritto da Baciccia

    ho come l’impressione che logiche nazionali e/o provinciali imposte dall’alto sui vari pdl locali faranno perdere molti voti al centro dx, che dovrebbe ascoltare di più il territori invece di “volare” alto con logiche puramente partitiche e non di buona amministrazione locale

  4. Scritto da Dimici

    I politici, che siano a Roma o a Savona, sono tutti uguali…. Altrimenti non sarebbero politici…

  5. folgore
    Scritto da folgore

    @hi-tech
    mi duole ricordarti che alle Regionali il buon Burlone Burlando ha vinto le elezioni solo grazie ai voti dell’UDC (ahimè, sia perchè ha vinto sia perchè gli ha dato importanza) che se si fosse candidato con il centrodestra quest’ultimo avrebbe preso la guida della regione.
    Francamente preferirei essere una coalizione perdente piuttosto che vincere grazie ai voti dell’UDC e dover sottostare ai loro ricatti, perchè se non te ne fossi accorto è la stessa politica che facevano i socialisti nella prima repubblica e grazie al vecchio sistema elettorale, con 2 voti sei l’ago della bilancia.
    Ora vedremo come se la caverà Burlando ad esempio con il caso RU-486 la pillola abortiva, che con l’UDC in coalizione o non la farà mai passare suscitando le ire di PRC e SEL, oppure dovrà concedere (pagara comprare chiamalo come vuoi) MOOOOLTO ai democrisitiani per fargli…”digerire la pillola”!
    E come questa tante altre.