IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Comunali Borgio, Dacquino svela il suo programma: “Voglio un paese vivo per tutti” foto

Borgio Verezzi. Servizi alle persone, ambiente e territorio, “macchina” comunale ed attività produttive. Sono questi i temi al centro del programma elettorale della lista civica di Renato Dacquino che, questa mattina, ha ufficializzato la sua candidatura nella corsa alla poltrona di primo cittadino di Borgio Verezzi. Il candidato sindaco spiega così la decisione di scendere in campo: “I motivi che mi hanno spinto a candidarmi? Nascono dall’ascolto delle persone. Borgio Verezzi per tutti è un paese tranquillo, bello, ma tutti dicono che è un paese poco vivo, anzi del tutto morto”.

“Il problema – osserva Dacquino – è trasformare il paese da tranquillo e bello a vivo. Noi vogliamo lavorare per far diventare Borgio Verezzi un comune vivo per le persone, per i turisti, oltre che attrattivo”. Sulla filosofia della lista civica il candidato sindaco spiega: “Il messaggio che vogliamo lanciare è ‘uniti insieme per Borgio Verezzi’. L’essenza della nostra proposta è questa: ‘insieme per il paese’, un paese vivo e per tutti”.

Per rafforzare il concetto di “unità”, la lista civica di Dacquino, in occasione delle celebrazioni dell’anniversario dell’Unità d’Italia, lancia un’iniziativa: “Abbiamo messo insieme la festa per i 150 anni dell’Italia e per i 78 di Borgio Verezzi. Questo per far capire che insieme si può vincere e si può lavorare bene”. Per questa ricorrenza a Borgio saranno appesi dei manifesti che celebrano il “doppio compleanno” e che può considerarsi lo “start up” della campagna elettorale di Dacquino e della sua lista.

Sul programma elettorale il candidato spiega: “Il tema più importante sono le persone. Nel programma abbiamo messo quattro grandi punti: servizi alle persone, ambiente e territorio, macchina comunale ed attività produttive. E’ evidente che quando partiamo dalle persone vuole dire che la nostra priorità è ascoltarle, rispettarle e fare cose concrete subito. Quando parliamo di ambiente e territorio significa che dobbiamo proteggerlo, migliorarlo e valorizzarlo, in sintesi: no case a Verezzi e sì ad interventi per migliorare dove serve. Quando parliamo di attività produttive abbiamo le competenze per cambiare realmente l’attrattività turistica di questo paese. La macchina comunale non deve essere criticata: è fatta da professionisti molto seri che dobbiamo aiutare nel lavoro”.

“L’appoggio del Pd alla lista vuole dire che la lista è di centrosinistra? No, la nostra lista è una lista civica – risponde deciso Dacquino – Noi abbiamo una visione di lista civica fatta con le migliori competenze del paese e aperta a tutti i contributi. In questo momento il Pd ha dato il suo sul programma, ma ancora oggi siamo aperti al dialogo con altri partiti. Purtroppo le logiche di partito spesso prevalgono sul bene del paese”.

Infine sull’attuale sindaco Vadora, Renato Dacquino sceglie la linea della diplomazia e del dialogo: “Il nostro giudizio sulla precedente amministrazione è: molto è stato fatto, ma molto resta ancora da fare. Guai alle critiche, sì a sviluppare valori insieme”.

Renato Dacquino è sposato con Olga Spadoni e ha un figlio di nome Piero. Nel suo curriculum vitae vanta varie esperienze come relatore nella formazione a livello nazionale, ad esempio alla Bocconi, e internazionale presso American Graduate School of International Management.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da selector

    Scusate ma che differenza avete notato con il programma di 5 anni addietro???
    A forse oggi bisogna soddisfare appetiti anche di destra o mi sbaglio.
    Comunque il PD aveva una grande occasione, ma non ha voluto smentirsi e ha deciso di sprecarla.
    Provate a convincermi altrimenti voterò a chi propone una ventata di aria nuova.

  2. Baciccia
    Scritto da Baciccia

    Iride, basta sparare Falsità.
    Il candidato è Dacquino, se sarà come spero eletto, governerà lui e il paese sarà in mano a gente pulita e capace che governerà per il bene di tutti.
    Punto.
    Se sarà eletto Ferro, tutto continuerà come oggi, tranquillo e spento, mentre il grigio prof continuerà a farsi gli affari suoi (condomini, farmacie, lavoro ad assessori per garantirsi l’appoggio del loro partito: spero per lui abbia fatto sempre tutto in regola, cosa che non avrà paura di dimostrare se chiamato in causa… vero?)
    Hai argomenti seri a favore di Ferro (programma, capacità dimostrate) o al solito pettegolezzi da m……ga come il tuo candidato?

  3. iride
    Scritto da iride

    Con la lista Borgio Viva sarà sempre al comando Granero e Raimondo, e qualche altro nome che lascio ad intendere e il povero Dacquino sarà la solita testa di legno che dovrà obbedire , tacere e sottostare agli ordini che gli verranno dati …..

  4. Scritto da Carmo2011

    http://www.borgioverezziforum.it
    http://www.borgioverezziviva.it
    sono iniziative interessanti di BORGIO VEREZZI VIVA
    io metterei i due candidati accompagnati dalle loro liste faccia a faccia, moderati in maniera imparziale, e sono sicuro che ne verrebbe fuori un quadro reale della superiorità del programma e delle capacità delle persone di BORGIO VEREZZI VIVA

  5. chichibio
    Scritto da chichibio

    Caro Pippo, mi sono documentato sulla scuola e nel farlo sono incappato nelle dichiarazioni del Prof a proposito della trasformazione dell’albergo Lido e quindi preferisco riferti questa sua “pensata”. Trasformiamo l’albergo in appartamenti ( e la legge regionali “Ruggeri” dove la mettiamo….mah!!!) ed in cambio i bravi proprietari ci daranno un nuovo sottopasaggio al mare sistemando l’esistente, una passerella di tre metri di larghezza e non si sa quanto di lunghezza 30mt?!!! e la galleria per la passeggiata (ma quale che non si è mai visto un progetto realistico e realizzabile). Un bellissima pensata Prof., a fronte di niente in cambio, regali appartamenti dove non se ne può realizzare. Prova a verificare Pippo che poi come ti ha già detto “Baciccia” Dacquino e la sua squadra ti risponderanno.