IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Caro prezzi, per le famiglie italiane rischio di stangata da 857 euro

Più informazioni su

Liguria. Il caro vita rischia di alleggerire i portafogli delle famiglie italiane. Le spesa che le famiglie devono affrontare annualmente infatti potrebbe aumentare di 857 euro. Un dato medio che vede la possibilita’ di picchi piu’ elevati al Nord, con un esborso di 898 euro, il 2,95% in piu’. Piu’ contenuti, invece, i possibili aumenti al Centro,+897,9 euro pari a+ 2,94% e quelli attesi al Sud , +634,8 euro con una variazione del +2,76%. E’ la Cgia di Mestre a fotografare l’effetto domino che potrebbe innescarsi dall’aumento di prezzi registrato negli ultimi mesi, sempre che le famiglie italiane non modifichino i comportamenti di stessa tenuti fino a febbraio scorso.

“E’ indispensabile che il Governo metta in campo una seria riforma che alleggerisca il carico fiscale sulle famiglie e sul lavoro. Il decreto sul federalismo municipale e’ un primo passo importante ma, alla luce della congiuntura in atto, potrebbe non essere sufficiente ad imprimere quella svolta che la situazione richiede”, commenta il segretario della Cgia, Giuseppe Bortolussi. Le piu’ colpite dagli aumenti rischiano di essere le famiglie dei lavoratori autonomi (artigiani e commercianti): nell’ultimo anno la variazione potrebbe attestarsi al +2,94%; in termini assoluti pari a +1.017, 7 euro. I nuclei con a capo un imprenditore od un libero professionista, invece, potrebbero vedersi aumentare la spesa familiare di 1.289,6 euro (pari al +2,91%).

Non dovrebbe andare molto meglio alle famiglie dei dirigenti e degli impiegati: l’aumento della spesa potrebbe toccare i 1.098,6 euro (+2,89%). Anche la situazione delle famiglie degli operai non pare destinata a migliorare, anzi. La crescita della spesa potrebbe essere pari a 862,6 euro (+2,88%). Pesante anche la situazione delle famiglie dei pensionati o di quelle con la persona di riferimento in cerca di lavoro: per i primi l’aumento di spesa dovrebbe essere pari a 739,7 euro (+2,83%), per i secondi di 638,5 euro (+2,82%). Se si guarda al numero di componenti del nucleo familiare, invece , gli aumenti piu’ decisi potrebbero essere a carico dei i giovani single: +2,92% (pari a +643,7 euro); male anche le coppie con 1 figlio o 2 figli (+2,90% per entrambi, in termini assoluti, invece, gli aumenti potrebbero essere rispettivamente +1.053,5 euro e +1.091,5 euro), mentre per gli anziani soli, la variazione dovrebbe essere pari al +2,90% (+ 481 euro).

D’altra parte, come sottolinea ancora Bortolussi, “combustibili, energia e trasporti risentono della forte impennata dei prezzi registrati in questi ultimi mesi dai prodotti petroliferi”. “L’aumento annuo di queste tre voci, in termini percentuali e in base ai comportamenti di spesa delle famiglie italiane, potrebbe essere superiore al 5% che andra’ a sommarsi alla variazione che registreranno le spese per la manutenzione della casa: l’aumento potrebbe essere del +3,4%.”, aggiunge ricordando che circa il 60% della spesa annua stimata sara’ determinato dalle spese per la casa, l’energia ed i trasporti.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Resist

    Stangata sulle famiglie?
    Niente paura….GHE PENSI MI !!!!!

  2. hi-tech
    Scritto da hi-tech

    Quelli no. Nonostante il lavoro dipendente e i pensionati siano quelli che tengono in piedi lo Stato ( il rapporto di apporto fiscale tra questi ed il mondo di industria/lavoro autonomo è di 1:10 circa a favore dei dipendenti/pensionati) sui medesimi si riversa la mazzata del caro prezzi con l’aggravante che gli stipendi italiani sono tra i piu’ bassi d’Europa. Sino a quando i tartassati sopporteranno? Quando si renderanno conto che sono in grado di fremare il paese, se lo volesseo, ed ottenere politiche davvero mirate a tutelare famiglie e classi bedio-basse, allora, stiamo certi che il governicchio non impernierà piu’ tutta la sua strategia solo rivolta ai 20.000 ricchi dichiarati. Il problema è che siamo un popolo di pecore e sino a quando non avremo l’acqua alla gola staremo zitti e continueremo a pagare.

  3. Scritto da pmax

    si si, tutto aumenta, ma gli stipendi?