IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Calderina killer in via Nizza: chieste condanne per un totale di 5 anni e 5 mesi

Savona. Si avvia verso la conclusione il processo per la morte di Livio Cerullo ucciso il 23 dicembre del 2003 dal monossido di carbonio fuoriuscito da una calderina installata nell’appartamento di via Nizza a Savona dove viveva assieme alla moglie. Questa mattina, in Tribunale a Savona, il pubblico ministero ha formulato le sue richieste di condanna per gli imputati del procedimento, Rosanna Silombria, Roberto Perata, Fabio Cerullo (il figlio dell’uomo, secondo l’accusa dipendente della ditta per la manutenzione della calderina), Giovanni Cravero (titolare della ditta a cui i proprietari degli alloggi avevano dato mandato per la manutenzione) e Franca, Angelo e Piergiorgio Salati (i proprietari), tutti accusati di omicidio colposo in concorso.

L’accusa ha chiesto un anno per Angelo e Giorgio Salati, 9 mesi per Franca Salati, Roberto Perata, Fabio Cerullo, Giovanni Cravero, e infine 5 mesi per Rosanna Silombria (imputata come “conduttrice” dell’appartamento, e al tempo stesso parte civile per le conseguenze dell’intossicazione e come vedova della vittima). Al termine della requisitoria del pm il giudice ha rinviato il processo al prossimo 1° aprile. In quell’udienza prenderà la parola la difesa e, salvo sorprese (sembra infatti che si sia raggiunto l’accordo per un risarcimento), la parte civile. Infine dovrebbe arrivare l’attesa sentenza.

Nel corso dell’ultima udienza, il figlio dell’uomo, ex dipendente della ditta Cravero, che oltre al dramma per la perdita del padre (la madre se la cavò per un pelo) deve ora subire un processo che lo vede accusato in concorso della responsabilità per la morte del padre, aveva dimostrato con documenti e buste paga alla mano che non era più dipendente della ditta Cravero in quanto licenziato prima del fatto, e che il numero di serie fornito dall’azienda per l’attività di manutenzione dell’alloggio risultava diverso da quello che invece certificava il suo lavoro.

Al vaglio del processo l’accertamento sulla reale responsabilità nella manutenzione della calderina, in uno stabile che aveva da poco cambiato la tipologia di impianto per il riscaldamento. Stando agli atti del dibattimento l’incidente sarebbe stato provocato da un tappo che si era formato nella canna fumaria in quanto la caldaia dell’abitazione non aveva i requisiti per la combustione a gas metano.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.