IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Bombardier, ministro Matteoli: “C’è impegno del governo perché commessa arrivi, parlerò con Moretti” foto

Vado Ligure. “Siamo impegnati a fare di tutto affinché le commesse arrivino”. Così il ministro di trasporti e infrastrutture Altero Matteoli al termine dell’incontro con azienda e sindacati alla Bombardier di Vado Ligure. “Si tratta di un passaggio fondamentale per questo stabilimento – sottolinea Matteoli – Il livello di produzione di questa impresa è importante, così come è alta la qualità tecnologica raggiunta. Poi, chiaramente come per tutte le aziende c’è la necessità di ottenere le commesse”.

“Ho guà annunciato ai rappresentanti sindacali che lunedì prossimo incontrerò Fs – aggiunge il ministro – Se arriveranno risposte positive tanto meglio, se invece non dovessero essere rassicuranti, potremmo aprire un tavolo al ministero. Il nostro impegno è sul fatto che gli ordini vadano a buon termine”.

L’impegno dell’istituzione c’è, ora gli occhi sono puntati sull’amministratore delegato del Gruppo Fs, Mauro Moretti, dal quale dipendono le decisioni cruciali sulla commessa dei 50 locomotori E464. A rischio ci sono oltre 70 lavoratori interinali. Bombardier Italia ha toccato i 340 milioni di euro di vendite nel 2010, raggiungendo un portafoglio ordini da oltre 1.200 milioni. Di questi, 202 riguardano le locomotive, gli altri i servizi di manutenzione (119) e la divisione passeggeri (742), e il segnalamento (169).

I dati del bilancio approvato ieri dalla società sono stati illustrati oggi dall’amministratore delegato Roberto Tazzioli al ministro Matteoli. Per Bombardier è cruciale il 2011 perchè “ci aspettiamo novità significative da parte di Trenitalia – ha detto Tazzioli – sull’opzione per 50 locomotive E464 e dall’esito delle prossime gare per il trasporto regionale”.

I tempi sono stretti perché, se l’opzione non arriva entro giugno, la società potrebbe essere costretta a far scattare la cassa integrazione. “Nel 2012 puntiamo a consolidare il fatturato – ha aggiunto Tazzioli -. Nel 2013 partirà invece la produzione di Zefiro, il treno ad altissima velocità (fino a 400 chilometri l’ora), che ha vinto la gara indetta da Trenitalia nei mesi scorsi”. La scommessa futura è anche sullo Spacium, il convoglio francese che presto viaggerà anche sulle rotaie italiane.

Soddisfatti i sindacati, che hanno giudicato positivamente la visita del ministro: “E’ già importate portare all’attenzione di un ministro il problema territoriale di una realtà come quella di Bombardier; siamo soddisfatti per come si è svolto l’incontro. Il ministro ci ha comunicato che lunedì verrà convocato l’amministratore delle Ferrovie dello Stato Moretti per fare il punto rispetto alla commessa delle 50 locomotive 464 e sul perché la situazione non si è ancora sbloccata, nonostante l’interesse di Trenitalia”.

“Già martedì prossimo sapremo l’esisto di questo incontro – proseguono i sindacati – Il ministro si è impegnato, qualora non si slocchi la commessa, ad aprire un tavolo al ministero dei trasporti con il sindacato per concludere positivamente questa vicenda. Attenderemo le notizie e convocheremo un incontro con l’azienda un’assemblea con i lavoratori per spiegare loro la situazione”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.