IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Bombardier, attesa per la visita di Matteoli. Minasso: “Agire in tempi brevi”

Vado Ligure. C’è attesa per la visita del ministro Altero Matteoli alla Bombardier di Vado Ligure, un appuntamento percepito come un punto di svolta per la commessa dei locomotori E464. Il vicepresidente della Provincia di Savona, Luigi Bussalai, osserva: “La nostra principale preoccupazione è quella di evitare un calo di lavoro che impatterebbe in primo luogo sui lavoratori interinali e a tempo determinato che vedrebbero i loro contratti interrotti. A fine dicembre abbiamo provveduto ad inoltrare al Ministero e a Trenitalia Spa l’ordine del giorno approvato dal consiglio provinciale con il quale si sollecitava l’impegno a sbloccare l’opzione da 50 macchine E464 attese oramai da mesi”.

“La visita del ministro Matteoli – aggiunge Bussalai – dimostra come il governo sia attento al consolidamento e allo sviluppo di questa nostra importante realtà produttiva; la Provincia di Savona è impegnata, insieme alle altre Istituzioni, affinchè i successi dell’azienda si consolidino in una crescita continua”. Il ministro sarà a Vado Ligure dopodomani, alle 16, accompagnato dall’onorevole Eugenio Minasso e da Paolo Patruno, vicecoordinatore provinciale del Pdl, insieme al capogruppo vadese del Popolo della Libertà, Matteo Debenedetti.

“E’ necessario agire in tempi brevi – dichiara Minasso – Ho chiesto ed ottenuto la disponibilità del ministro a far visita allo stabilimento in questo momento nel quale c’è grande attesa per lo sblocco di questa tranche rilevante e strategica della commessa già in essere per la società Trenitalia. Lo stabilimento Bombardier di Vado Ligure, con i suoi 500 lavoratori ed un indotto stimabile in circa ulteriori 400 posti di lavoro, rappresenta, in un periodo di forte crisi occupazionale, che coinvolge in maniera profonda anche il nostro territorio, un a realtà economica di primaria importanza, anche per l’alto contenuto tecnologico delle sue produzioni”.

L’arrivo dell’ordine di produzione dei 50 locomotori E464 servirebbe a stimolare nuovi investimenti per la produzione di un nuovo modello di treno a percorrenza regionale, lo “Specium”, che potrebbe trovare spazio in una nuova commessa nazionale per il trasporto locale in vista dell’Expo Milano 2015.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.