IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Basket, Coppa Italia: la Tirreno Power si ferma in semifinale contro l’Abc Varese

Vado Ligure. E’ finita in semifinale, al Palafermi di Pistoia, l’avventura del Riviera Vado nella Coppa Italia di serie B Dilettanti, edizione 2010/11. I ragazzi del presidente Roberto Drocchi sono stati sconfitti al termine di una partita giocata in maniera insufficiente soprattutto in attacco, contro una Varese cinica e attenta che non ha fatto sconti ai dieci portacolori biancorossi. E dire che il team allenato da Garbosi era stato eliminato nella prima fase della competizione proprio dal Riviera, ma è rientrato in gioco grazie al secondo posto a metà campionato alle spalle dei vadesi.

L’avvio è roseo per la Tirreno Power che con Paleari mette a referto i primi due punti dell’incontro e sfoggia una difesa attenta. Dopo tre minuti Varese sblocca il punteggio con Martino Rovera, il quale ci prende gusto e segna anche una tripla, subito imitato da Matteucci (8 – 2). La difesa vadese allarga le proprie maglie e Conti ha così l’occasione per siglare il + 8 varesino, ma dopo sei giri di lancette Sacco suona la riscossa con due triple e un canestro dal pitturato che vale il pareggio sul 10 a 10. In chiusura di tempo, dopo due punti di Fontanel, è Bertolini a trovare il vantaggio vadese con cinque punti in rapida sequenza che valgono il 12 a 15.

Al rientro sul parquet Gambolati allunga, ma poi è ancora Martino Rovera, coadiuvato da Tourè, a ribaltare il risultato sul 19 – 17, costringendo coach Ghizzinardi a chiamare il minuto di sospensione. Dopo il discorso dell’allenatore vadese la situazione non cambia in meglio, anzi. Tourè, Tacchini e Croci fanno prendere il largo alla squadra lombarda chiudendo la prima metà gara sul punteggio di 40 a 26.

Dopo i canonici dieci minuti di sospensione Ganguzza prova a prendere per mano la Tirreno Power segnando per due volte dal pitturato, ma dall’altra parte Premoli e Conti non concedono nulla alla formazione ligure. Sotto di 18 punti il Riviera trova in capitan Cappa il tiratore di cui sente estrema necessità: il numero 10 biancorosso segna nove punti, dei quali sei su tiri dal perimetro, e con l’aiuto di Sacco e Sottana riesce a toccare il – 10 sulla sirena di fine terzo quarto (53 – 43).

Il Riviera ha ancora dieci minuti di tempo per provare a rimanere aggrappata alla parola “finale” e ci prova grazie ad un’attenta difesa di Bertolini in avvio, che poi lancia in contropiede Sacco che infila nella retina il – 8 (53 – 45). Fontanel e Tourè, però, tengono alto il ritmo di Varese, incrementando il margine di vantaggio dell’Abc Utensili. Il team vadese prova ancora con Bertolini ad accorciare e a ritrovare l’inerzia persa alla fine del primo quarto, ma non c’è niente da fare. A nulla vale la tripla impossibile messa a segno da Luca Sottana, che vale il momentaneo – 6 (66 – 60). La tecnica del fallo sistematico, infatti, non porta niente di buono al Riviera, che manda in lunetta un precisissimo Lombardi. Alla fine il tabellone si inchioda sul 70 a 60 finale e pone fine alle speranze di Coppa Italia del Riviera.

Il tabellino:
Abc Utensili Varese – Tirreno Power Riviera Vado 70 – 60
(Parziali: 12 – 15, 40 – 26, 53 – 43)
Abc Utensili Varese: M. Rovera 13, Conti 6, Premoli 9, Lombardi 8, Matteucci 5, Tacchini 4, Fontanel 6, Croci 4, Gaspari, Tourè 15. All. Garbosi.
Tirreno Power Riviera Vado: Gambolati 2, Bertolini 10, Scala ne, Cappa 11, Paleari 6, Bedini, Bovone ne, Ganguzza 11, Sottana 5, Sacco 15. All. Ghizzinardi.

Venerdì, negli altri due quarti di finale, Teate Chieti aveva avuto la meglio sulla Mens Sana Campobasso per 85 – 58 mentre la Zepa Marostica aveva piegato la Liomatic Reggio Calabria per 66 – 61. Ieri, in semifinale, successo per la Teate Chieti sulla Zepa Marostica per 64 – 52. Alle ore 15 di oggi, a Pistoia, andrà in scena la finale tra gli abruzzesi e i lombardi.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.