IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Ampliamento Tirreno Power, Burlando: “Nucleare è vulnerabile, il carbone abbordabile”

Regione. Il progetto di ampliamento della centrale termoelettrica di Vado Ligure è un investimento energetico. A sostenerlo è il governatore regionale Claudio Burlando, oggi impegnato nel primo tavolo del Forum Istituzionale per arrivare all’accordo con Tirreno Power.

“Il dramma del Giappone ci ha fatto capire che il nucleare è vulnerabile, mentre per altri motivi i prezzi del petrolio sono arrivati alle stelle, come quelli del gas. Il carbone è invece ancora abbordabile. Credo che questi siano discorsi da fare”. Il presidente regionale ha risposto così ad una domanda sul futuro ampliamento della centrale a carbone di Vado, di cui ha parlato nel pomeriggio in Regione nell’incontro con gli enti locali.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da juan

    “qui pianeta terra chiama lui la plume……qui pianeta etrra chiama lui la plume …RISPONDETE base luna rispondete!!!ahahahahah ma fatemi il piacere!!

  2. hi-tech
    Scritto da hi-tech

    Iosif@ : …se per te l’utilizzo di acronimi inventati da quei 4 idioti anglosassoni contribuisce ad accrescere la propria (presunta) autorevolezza e ti aiuta ad avvalorare una qualche convinzione che immagini sia frutto della tua attività neuronale…: TI LASCIAMO VOLENTIERI ALL’USO/ABUSO DEI TUOI AMATI ACRONIMI!! AhAhAH!!!!!:-)

  3. lui la plume
    Scritto da lui la plume

    Quando non apprezzo
    ne il nucleare
    ne l’ampliamento della centrale a carbone
    (da spegnere a conservare per possibili emergenze ….. non per produrre ad un prezzo piu’ basso).
    faccio i conti sulla mia pelle (quella dei consumatori residenziali) che di questa energia potrebbero tranquillamente fare a meno ….. utilizzando le fonti energetiche rinnovabili e tradizionali in modo meno balordo e sopratutto meno costoso …….

    Il problema degli “altri utilizzatori” ….. quei grandi utilizzatori cui si offre l’energia ad un prezzo concorrenziale (insomma quelli che piu’ consumano e meno pagano) e’ un problema separato dal mio ……. (cittadino che paga di piu’ anche per quei grandi utilizzatori che alla fine pagano di meno).

    Ho un piccolo magazzino e ricevo un gran numero di offerte ….al ribasso …. (anche se con spese fisse piu’ alte ….) …..

    In Germania nel 2010 sono stati installati 100.000 (almeno queste erano le previsioni …) generatori di corrente di tipo familiare …. connessi alla rete alla quale forniscono (su richiesta) energia generata in centomila generatori distribuiti capillarmente nel territorio.

    Ecco io a questo tipo di generatore di energia penso nel dire mentalmente “NO” alla centrale nucleare che si vuole installare ad Arcore ed a quella prevista sulla piattaforma di Vado.

    Non un grosso generatore che spedisce in giro corrente (con uno spreco di almeno il 7% nel trasporto) ma tanti piccoli generatori interconnessi fra loro.

    Insomma un sistema intelligente (e come tale ingestibile dagli attuali gestori).

    PS Mi pare che il sistema citato 100.000 generatori sostituisca tre centrali nucleari …. mica per niente la Germania ha optato per …. uscire dal nucleare (odierno ….. magari domani … chissa’ ….)

  4. Scritto da Resist

    @Marrasso,non capisco bene il tuo messaggio…un certo modello di sviluppo mette in conto una percentuale di “caduti”….se tu li accetti, io no.

  5. Scritto da cairesedoc

    Caro Burlando, perchè non vieni ad abitare a Cairo o a Bragno?
    Così ti sistemi la salute.