IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Ampliamento Tirreno Power, Burlando: “Evitata la rottura, adesso ragioniamo ad un tavolo”

Vado Ligure. “E’ andata bene. La nostra posizione, alla luce della delibera di ieri sera, era precisa”. Esordisce così il governatore ligure Claudio Burlando dopo la conferenza dei servizi a Roma sull’ampliamento della centrale termoelettrica di Vado. “Se la conferenza avesse dato parere positivo senza il nostro assenso, la pratica sarebbe di fatto bloccata. Spero che già la settimana prossima si possa tenere il primo incontro tra Regione, azienda e Provincia” prosegue Burlando.

La riunione nella capitale è durata quasi tre ore. Una discussione molto tesa, con l’azienda che ha subito specificato che, alla luce della decisione della giunta regionale, l’operazione non sarebbe stata più sostenibile economicamente. Si apre ora un’ulteriore fase di confronto, con incontri a cadenza settimanale, sino a metà aprile, termine ultimo – secondo Tirreno Power – per aprire la nuova conferenza dei servizi.

Nella delibera approvata ieri sera all’unanimità si prevede che il gruppo a carbone da 460 megawatt si possa realizzare a patto che i due esistenti, da 330 Megawatt ciascuno, vengano distrutti all’entrata in funzione di quello nuovo. Nella delibera si prevede inoltre la possibilità di realizzare, in sostituzione dei due che verranno distrutti, un nuovo gruppo che non superi le emissioni di quello da 460 Megawatt.

Burlando commenta: “Adesso comincerà una fase interlocutoria al termine della quale l’azienda dovrà presentare la seconda fase del progetto e sarà la Regione a dover valutare se e cosa consentire di far fare a Tirreno Power una volta demoliti i due gruppi a carbone più obsoleti”. “Però – aggiunge – noi abbiamo chiarito che una situazione come prospettata inizialmente dall’azienda con un gruppo nuovo e i due degli anni Settamta appena rivampizzati non era sostenibile. Adesso vedremo cosa scaturirà da questa serie di tavoli tecnici”.

Le resistenze dei Comuni di Vado Ligure e Quiliano sono sempre radicate e gli enti, insieme ai comitato contrari all’ampliamento, chiedono in particolare ad un monitoraggio epidemiologico a lungo termine. “Capisco queste esigenze – afferma l’assessore regionale Raffaella Paita – Ma le esigenze dell’azienda sono attuali. Il Ministero della Salute ha espresso favore per un controllo a spese dell’azienda, ma che sia svolto accompagnando l’iter dei lavori. Un monitoraggio contestuale all’intervento sulla centrale che si rivelerebbe più ampio e approfondito”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da juan

    cerchiamo di non essere troppo cattivi…burlando ha sempre detto no all ampliamento…ampliamento non ce ne sara’ …1 gruppo nuovo e stop ai 2 gruppi vecchi e marci..mi sembra il giusto punto di equilibrio…

  2. folgore
    Scritto da folgore

    Se non fosse una faccenda così seria ci sarebbe da ridere a crepapelle, ed è bellissimo anche vedere la cronologia di IVG, sopra l’articolo con Burlando che dice:”Evitata la rottura”, esattamente sotto quello del sindaco di Vado che afferma :” Tirreno Power, il sindaco Caviglia: “No a qualsiasi nuovo gruppo” “!!!
    Oddio a parlare con certi talebani pure Gandhi avrebbe perso la pazienza!
    Comunque non era stata evitata la rottura? ahahahaha
    Burlando fai pace con il cervello!

  3. IronMan
    Scritto da IronMan

    Caro Burlando, la rottura te la sei andata a cercare !! Vallo adesso a spiegare che tu sei d’accordo all’ampliamento della centrale TP così come la Provincia !! Vallo a spiegare agli abitanti di Vado e Quliano, a Berruti (che adesso si oppone, ma perchè è in campagna elettorale), a Rifondazione, Verdi, Api (che sono però in giunta con te), ed ai vari comitati del NO alla centrale . . .