IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Albenga, Unità d’Italia. Il sindaco Guarnieri: “Sempre con la fascia tricolore”

Albenga. “Le osservazioni della minoranza, che anziché dimostrarsi vicina ai problemi dei cittadini preferisce inventarsi polemiche sterili, mi sembrano alquanto pretestuose. In piena crisi di identità, la sinistra ad Albenga affida le dichiarazioni a sfondo amministrativo alle segreterie di partito, e quelle invece politiche alla minoranza in consiglio comunale, un bizzarro scambio di ruoli che conferma la loro confusione e la vergogna per il loro precedente operato”. Replica così il sindaco di Albenga Rosy Guarnieri alle accuse mosse dall’opposizione in merito alle celebrazioni dell’Unità d’Italia, con l’assenza del primo cittadino nella giornata di giovedì 17 marzo.

“Non mi sono mai permessa di definire imbarazzante o ingiustificata l’assenza di consiglieri comunali o di componenti della precedente amministrazione da eventi pubblici, ogni volta che hanno ritenuto opportuno usufruire di un periodo di ferie – aggiunge la Guarnieri -. Nel mio caso, il riposo, pur breve, dopo mesi ininterrotti di lavoro al servizio della città, servirà anche a visitare i luoghi in Sicilia dove si è effettivamente concretizzata l’Unità d’Italia. Mi sembra che essi abbiano scarsa memoria, e forse non si sono accorti della mia costante partecipazione, con tanto di fascia tricolore, a tutte le manifestazioni istituzionali tenutesi in questi mesi ad Albenga, dal 25 Aprile al 4 Novembre, dai Bersaglieri a Campochiesa alla commemorazione alpina di Nikolajewka: il rispetto per le istituzioni, da parte mia, non è mai mancato, e sostenere il contrario è una meschinità”.

“Ad essere davvero ingiustificate, invece, sono le dichiarazioni di una minoranza come sempre disinformata, non sappiamo se in buona fede o in malafede, che sostiene che l’amministrazione non abbia previsto alcuna iniziativa per celebrare tale appuntamento. Si tratta di una affermazione che non corrisponde a verità, e che sarà smentita, ancora una volta, dai fatti” conclude il sindaco di Albenga.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da mario antani

    E’ inutile nascondersi dietro un dito! L’equazione è semplice: Guarneri Sindaco appartenente a quella Lega che ha apertamente cercato di “boicottare” i festeggiamenti (qualche polito regionali li ha pure definiti faziosi)! Belin lo si capisce lontano un miglio che è stato un atteggiamento “cerchiobottista” : il Comune di Albenga (con sindaco leghista) festeggia ma ….il proprio sindaco (leghista) purtroppo non potrà partecipare in quanto a godersi (casualmente proprio in quel periodo li) il meritato riposo! …A parte questo aspetto…è comunque vero che non sono questi i pretesti per fare opposizione!!se veghemmu!

  2. Scritto da Paolomad

    La polemica sterile o non sterile mi pare che venga innescata da questi leghisti che preferiscono un fazzoletto verde al tricolore. La Guarnieri inoltre pur di guadagnarsi i favori dei suoi dirigenti di partito non ci mette un attimo a dimenticare le sue origini ed il fato che se pur leghista è chiamata a rappresentare tutti gli Albenganesi e non solo i leghisti di questa fantomatica BADANIA.
    Poi se preferisce può sempre dare le dimissioni e trasferirsi a Gemonio.

  3. Scritto da il liquidatore

    in tal caso chiedo perdono per il commento nel precedente articolo!

  4. Scritto da roberto 2

    @ossalopp: hai ragione al 100%.. ne usciremo???

  5. Roonf-Pirates
    Scritto da Roonf-Pirates

    Come al solito la sinistra,nulla han da dire,ma solo criticatutto e tutti.