IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Albenga: terminati i lavori dell’impianto termico della piscina

Albenga. Nuovo sistema di riscaldamento per lo Stadio del Nuoto di Albenga. Si sono conclusi nei giorni scorsi i lavori di trasformazione dell’impianto termico della piscina comunale, da olio combustibile  (BTZ) a gas metano. L’opera, il cui progetto definitivo-esecutivo è stato approvato con delibera di Giunta Comunale lo scorso Settembre, ha visto la sostituzione della caldaia, altamente inquinante poiché a gasolio combustibile denso (basso tenore di zolfo), distillato pesante ottenuto dal petrolio, con un nuovo impianto a condensazione, alimentato a gas metano, della potenza di 850 KW, con annessa rimozione del serbatoio del gasolio e installazione di una nuova alimentazione a gas e a una serie di migliorie all’impianto di produzione di acqua calda. I lavori, consegnati lo scorso Dicembre, sono stati eseguiti dall’impresa Scotta Impianti con sede a Cavallermaggiore (CN), la quale ha offerto il 20,75% di ribasso su un importo complessivo di 185 mila euro, con importo contrattuale pari a 86.225,40 euro.

“Finalmente è stata rimossa la caldaia più inquinante della Città”, dichiara Roberto Schneck, vice sindaco di Albenga con delega ai Lavori Pubblici. “Quest’opera garantisce un sicuro rispetto ambientale e un livello di inquinamento assai più ridotto rispetto al passato: inoltre, dalle testimonianze dirette di numerosi fruitori dello stadio, l’acqua della piscina è più calda, dimostrazione del buon funzionamento del nuovo impianto”.

“È motivo di grande soddisfazione, tenendo sempre incrociate le dita, notare che i lavori pubblici avviati da questa amministrazione, quali la pavimentazione di Via Enrico d’Aste, le diverse sistemazioni idrauliche nelle frazioni, l’opera di canalizzazione in Via Don Isola, e molte altre ancora, siano state realizzate e portate a termine nei tempi concordati e senza particolari problematiche. Lo stesso non può purtroppo dirsi dei pochi lavori ereditati, come la scuola di Campochiesa, il sottopasso, o l’Astor, che causano grande dispendio di energie e destano sempre maggiori preoccupazioni”, conclude il Vice Sindaco.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. hi-tech
    Scritto da hi-tech

    Belìn!….che notizia…!!!!!!!! hanno trasformato l’impianto da un combustivbile all’altro e reclamizzano pure la cosa…AHAHAH AHAHA AHAHAH AHAHAHAHAH!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
    …. il SOLERTE Bosco si dà da fare come un ossesso con questi comunicati….AHAHAHAHHAHA!!!!!!!!!!!!
    …..e diteci un po’ ….altre notizie sensazionali come questa ce ne sono?… per esempio l’assessore ai fusibili cosa stà facendo? Ha cambiato altre lampadine? .. oppure quello al verde pubblico ha controllato le fitopatie? e l’assessore ai lavori pubblici ha risolto l’enigma della vasca interrata delle scuole di Campochiesa e ha eliminato il “pericolo”..?.AH AH AH AH AH !!!!!!!!!!!!!!!
    Invece, per parlare di cose serie:
    ..che fine ha fatto la faccenda del sottopasso e delle perizie scaturenti dalle miriadi di modifiche che hanno fatto i dilettanti allo sbaraglio con rincari di costi..cioé …Quando termineranno i lavori.!??????? E la faccenda del porto a che punto è? E il depuratore? e la viabilità oggetto di tanta pubblicità vedrà in un impeto di coraggio ( perchè qui davvero dieghino deve mostrare coraggio e… azzardo…)? E la faccenda delle scuole? e la faccenda della sicurezza, cavallo di battaglia degli omini verdi?…hanno riparato il sistema di telecamere che ha realizzato Antonello o lasciano andare tutto a ramengo?
    …e la storia dell’appalto della rumenta? e le riparazioni da imporre al gestore dell’acqua potabile perchè NON DISPERDA piu’ l’ACQUA POTABILE PUBBLICA ..SONO STATE ESEGUITE?
    ….Forza “esperti” comunali di comunicazione …ILLUSTRATECI e mostrate TRASPARENZA dell’ATTIVITà FRENETICA DELL’AMMINISTRAZIONE!