IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

13 produttori vinicoli savonesi in vetrina al salone internazionale “Vinitaly”

Regione. Dopo aver contribuito alla nascita della prima bottiglia celebrativa dei 150 anni dell’Unità d’Italia con i vitigni autoctoni del Rossese di Dolceacqua e del Vermentino dei Colli di Luni,  ideata da Veronafiere-Vinitaly e consegnata nei giorni scorsi al presidente della Repubblica Giorgio Napolitano a New York, la Liguria è pronta a sedurre  e incantare tanti eno-appassionati  e consumatori.

I vini importanti e di qualità della Liguria saranno infatti anche quest’anno in vetrina a Vinitaly la più importante fiera internazionale del settore, che si aprirà a Verona giovedì prossimo.

“E puntano a una promozione a pieni voti”, afferma l’assessore all’agricoltura Giovanni Barbagallo che non nasconde come la pur limitata produzione regionale si di altissima qualità e  “rappresenti un formidabile biglietto da visita per la Liguria, com’è stato con la bottiglia dell’Unità d’Italia al presidente Napolitano”.

La presenza a Vinitaly 2011 è una iniziativa della Regione Liguria  e di Unioncamere Liguria, in collaborazione con le Camere di Commercio. L’edizione 2011 di Vinitaly  vede a fianco della Regione Liguria e di Unioncamere  Liguria le  quattro Camere di Commercio di Genova, La Spezia, Savona e Imperia, Coldiretti, Confagricoltura e Confederazione Italiana Agricoltori (CIA).

L’elenco dei produttori vinicoli liguri che  hanno aderito a Vinitaly  vede in testa  l’Imperiese  con 28 aziende,  seguito dallo Spezzino con 22, il Savonese con 13  e il Genovesato con 3. Lo stand dei vini liguri al padiglione 11, B4- allestito anche in chiave di promozione turistica con grandi foto del  paesaggio ligure, una sala laboratorio per le degustazioni e diversi point,  ospiterà sessantasei aziende con 150 etichette e sarà curato dall’Enoteca pubblica regionale della Liguria e della Lunigiana di Castelnuovo Magra diretta da Alberto Tognoni.

Le aziende vinicole  in Liguria  sono 1700. Si tratta, nella stragrande maggioranza, di piccoli produttori. La superficie vitata regionale è di 2028 ettari, di cui 791 a Doc- Denominazione di origine controllata  e di 1237 quella dove si producono vini Igt e da tavola. La produzione totale di vino  è di oltre 83 mila ettolitri , pari a una produzione di circa 4 milioni e mezzo  di bottiglie.

Fra i vini  Doc e Igt che saranno al centro di numerosi eventi e degustazioni  a Verona  ci sono  Cinque Terre, Vermentino e Bianco e Rosso dei Colli di Luni e Colline di Levanto,   Pigato, Rossese e Vermentino della Riviera di Ponente,  Bianchetta, Vermentino e il Ciliegiolo del Tigullio,  Rossese di Dolceacqua e Ormeasco di Pornassio, Granaccia delle colline genovesi e savonesi, Lumassina.

In vetrina, ovviamente  anche lo Sciacchetrà, famoso vino da dessert delle Cinque Terre e il Moscato del Golfo del Tigullio.Oltre a vini rossi, bianchi e passiti di varietà recuperate di antichi vitigni liguri.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.