IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Wired lancia Piazza Wi-fi, adesioni da tutta Italia: Liguria esclusa

Liguria. Portare il Wi-Fi in piazza per far navigare gratis i propri cittadini? Si può fare, ma non in Liguria. “Piazza Wi-Fi”, l’originale campagna lanciata dal settimanale Wired, in pochi giorni ha raccolto adesioni da tutta Italia, eccezion fatta per la nostra regione, le cui uniche richieste sono arrivate dai piccoli comuni di Lerici (La Spezia) e di Pontinvrea (Savona). Uno smacco, considerato che fu proprio il deputato genovese Roberto Cassinelli a proporre la modifica del decreto Pisanu per liberalizzare il wi-fi.

Per i comuni, aderire all’iniziativa è semplice, basta scrivere una mail con richiesta ufficiale e in fretta: Wired, in partenership con il wireless service provider Unidata e i Green Geek, porterà il wi-fi gratuito per tutto il 2011 in 150 piazze in occasione dei 150 anni dell’unità di Italia. Obiettivo: creare una “rete di reti” dove con un unico account e un’unica password tutti possano navigare gratis in tutta Italia.

Un dato, però, è certo: da Nord a Sud, isole comprese, i territori della penisola hanno risposto rapidamente all’appello. Ma dei 235 comuni liguri, solo Lerici e Pontinvrea hanno piantato la bandiera della nostra regione sulla mappa virtuale di Wired. Segno di disattenzione, di poca dimestichezza da parte delle amministrazioni locali nei confronti dell’argomento wi-fi, o proverbiale tirchieria ligure? Non tutto però è perduto: i comuni liguri, infatti, possono ancora partecipare. La stessa Anci, associazione nazionale comuni italiani, ha sposato l’iniziativa con un appello a tutti i sindaci del Paese affinché aderiscano.

“Anche se abbiamo superato le 150 adesioni, il nostro obiettivo – scrivono sul sito di Wired gli ideatori – non ci fermiamo: continueremo a esaminare tutte le proposte in entrata, quindi continuate a inviarci segnalazioni e adesioni. Il compito più difficile, per Wired e i partner dell’iniziativa, sarà decidere a chi mandare il kit. Una cosa, purtroppo, è certa: saranno escluse le aree in digital divide, quelle, per intenderci, dove ancora non arriva la banda larga. Il motivo è semplice: possiamo fornire gratuitamente il kit per navigare in Wi-Fi, ma non siamo attrezzati a portare la Rete dove non esiste”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da pippo

    Mi ricollego a quanto dice Bobocri.

    Tutto tace … non servono neppure le iniziative gratuite.

    Che tristezza.

  2. Scritto da roberto 2

    Ad Albenga abbiamo solo i carciofi nella testa, wi fi?? Si mangia??

  3. alberto.peluffo
    Scritto da alberto.peluffo

    Mi risulta che i punti wi-fi nella nostra provincia ci siano già, negli uffici iat. O mi sbaglio?

  4. Scritto da BOBOCRI

    invece a Pietra Ligure inaugurano un Ecocentro inutile
    SVEGLIA AMMINISTRATORI LIGURI
    BURLANDO SCENDI DAL LETTO E FAI QUALCOSA DI CONCRETO

  5. Scritto da dan

    Dal Comune di Savona non ci si poteva aspettare altro,in compenso mandiamo il telegramma di felicitazione ad una sciatrice che Savona non sa quasi neppure dove sia! Che patetica questa Amministrazione, forse una delle peggiori degli ultimi anni!!