IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Vado, sequestro di oltre 2 kg di droga: indagini partite giorni fa

Vado Ligure. I carabinieri di Savona lo tenevano d’occhio da giorni, dopo averlo visto “confabulare” con altri due connazionali, mai visti prima sul territorio savonese. I suoi precedenti per droga hanno subito fatto pensare a movimenti sospetti, per cui P.G., cittadino albanese ventottenne residente a Savona, è stato costantemente monitorato dai militari dell’Arma, fino al maxisequestro di droga di questa notte (per la precisione, 2 chili e 216 grammi di cocaina). A finire in manette sono stati 4 albanesi su cui ora pende l’accusa di associazione a delinquere finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti.

Sono stati dunque predisposti giorni fa una serie di servizi di osservazione, controllo e pedinamento che hanno condotto poi i militari fino al luogo ove, nella serata di sabato, i tre albanesi si sono incontrati con una quarta persona, H. S., di 36 anni, camionista loro connazionale. Qui, in un parcheggio per motrici e rimorchi nelle vicinanze della Tirreno Power, uno dei tre si è allontanato a piedi con il camionista, dirigendosi verso alcuni semirimorchi immersi nel buio. A questo punto è scattato il blitz dei carabinieri che hanno bloccato i malviventi. I due sconosciuti, visti confabulare giorni prima con P.G., sono stati identificati in M. K. e O. O., rispettivamente 30 e 31 anni, albanesi effettivamente appena giunti in Italia. H.S. si era presentato all’appuntamento con una motrice stradale, che è stata accuratamente perquisita e al cui interno è stato scoperto un nascondiglio ricavato nello schienale di un sedile.

La sostanza stupefacente, dopo accurate ricerche e grazie all’intervento dei Vigili del Fuoco, che hanno provveduto ad accendere tutte le luci artificiali del parcheggio, è stata rinvenuta dall’equipaggio dell’Aliquota Radiomobile occultata in un anfratto di un rimorchio parcheggiato poco distante, evidentemente nell’intento di eludere un eventuale controllo improvviso. Tutti e quattro gli arrestati sono stati accompagnati alla casa circondariale Sant’Agostino di Savona e rischiano condanne a partire da dieci anni di reclusione in quanto associati nell’attività delittuosa, mentre per chi fosse riconosciuto promotore ed organizzatore del sodalizio la pena prevista parte da vent’anni.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da freeholly9

    goldrake!
    tu ci credi ancora?sai che sinchè la gente non si farà giustizia da sola sti criminali il mese prossimo saranno di nuovo a girare coi loro bmw da 50mila euro all’autolavaggio?

  2. pirata
    Scritto da pirata

    Congratulazioni ai CC che hanno non solo fermato 4 insignificanti extracomunitari, ma hanno anche evitato che ben 2 Kg di sta schifezza finisse sulle nostre strade. Speriamo in condanne decennali da parte della Magistratura!!!

  3. saetta
    Scritto da daitarn

    Bravi!!

  4. goldrake
    Scritto da goldrake

    Ottimo lavoro, ora apettiamo che la legge colpisca duramente i venditori di morte.