IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Tentato omicidio di Cairo, Briano: “Veronica è tra noi solo per un miracolo, deve guarire con serenità” foto

Cairo Montenotte. Dopo due interventi chirurgici, negli occhi ancora l’orrore dell’aggressione di lunedì mattina, Veronica Meinero è tornata “grintosa”. L’ha sentita il sindaco cairese Fulvio Briano, che racconta: “Sono stati giorni caotici. Fino all’altro ieri si poteva pensare che il lavoro degli assistenti sociali fosse complicato e, per certi versi, rischioso, ma nessuno aveva mai pensato che davvero si potesse arrivare a questi punti”.

La disamina del primo cittadino è netta: “In oltre cinquant’anni di storia repubblicana mai l’amministrazione comunale cairese aveva dovuto fare i conti con la furia omicida nei confronti dei propri dipendenti: saranno cambiati i tempi e forse non ce ne siamo pienamente accorti, ma oggi dobbiamo toccare la realtà con mano perché una delle nostre ragazze, solo per miracolo, è ancora tra noi”.

La ventisettenne assistente sociale ha fronteggiato la follia di Josè Formica, il cinquantenne italo-colombiano che l’ha assalita a colpi di machete, furioso per la sottrazione dei due figli che i servizi sociali avevano affidato ad un centro perché lui, il padre, non poteva provvedere al loro mantenimento. La donna è stata salvata dall’intervento dell’assessore Giovanni Ligorio e di altre quattro persone.

“Il merito – osserva Briano – va a chi presidia giornalmente la sede dei servizi sociali e, in particolare, con chi è intervenuto per salvarla ad iniziare da Giovanni Ligorio per continuare con Giorgio Bellini e Luca Tessitore. Il mio pensiero va però a Veronica. Nelle prossime settimane dovremo fare in modo che possa guarire in serenità e che in un qualche modo possa superare questa terribile esperienza”.

“Penso che il Comune di Cairo abbia un debito nei suoi confronti di cui il suo sindaco si deve far carico in prima persona” commenta Briano, concludendo: “Farò quanto in mio potere per sostenerla magari però con quella riservatezza che una ragazza di 27 anni merita e che il clamore di questi giorni le sta togliendo”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da cairesedoc

    Cara nicolettina, se ti voglio ringraziare vengo da te e ti parlo.
    Non cercherei sempre l’occasione per apparire sui giornali.

  2. Scritto da nicolettina

    Resto sempre senza parole quando leggo questi commenti pieni di livore senza alcuna motivazione.
    Una critica al Sindaco perchè ha espresso solidarietà alla vittima ed i ringraziamenti a chi l’ha salvata.
    Incredibile.

  3. Scritto da cairesedoc

    Intanto, per garantire tranquillità e riservatezza, potrebbe evitare uscite come questa!
    Riservatezza significa operare in silenzio, e non il contrario!