IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Tentato omicidio Cairo, Formica resta in carcere: “Stressato perché lontano dai miei figli” foto

Savona. Una situazione di profondo stress e amarezza: è questo il quadro dipinto da Josè Formica per giustificare l’atroce violenza con la quale, nella mattinata di lunedì scorso, si è scagliato contro una giovane assistente sociale di Cairo Montenotte, Veronica Meinero, identificata come la causa di tutti i suoi mali.

Nell’interrogatorio di oggi, davanti al gip Fiorenza Giorgi, l’italo-colombiano accusato di tentato omicidio premeditato, ha parlato della sofferenza provata dopo essersi visto togliere i figli, vittime anch’essi della sua violenza, cercando di dare una spiegazione ad un gesto inqualificabile come quello che lo ha visto protagonista di una mattinata di follia negli uffici dei Servizi sociali di Cairo Montenotte. Qui, l’uomo ha accoltellato con un machete Veronica Meinero, 27 anni, assistente sociale vista come la responsabile della sua condizione.

La separazione della moglie e la perdita della patria potestà sui due figli ha aggravato le condizioni psicologiche del cinquantenne, il cui squilibrio è culminato nel gesto sconsiderato (per l’occasione, oltre al machete, si era portato dietro un coltello da cucina e un falcetto). L’uomo, difeso dagli avvocati Paolo Gianatti e Corrado Bandini, rimane ovviamente in carcere. I legali avanzeranno probabilmente nei prossimi giorni la richiesta di incidente probatorio per accertarsi delle condizioni psicologiche dell’uomo.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Fede

    Un appunto a chi scrive gli articoli: la decadenza dalla potestà dei figli, che ai sensi dell’art. 330 c.c. il giudice civile pronuncia nei confronti del genitore che viola o trascura i doveri ad essa inerenti o abusa dei relativi poteri con grave pregiudizio del figlio ecc…
    Il GIUDICE, non l’ASSISTENTE SOCIALE. Non creiamo cativa informazione.

  2. Giudice
    Scritto da Giudice

    ahahah bella questa. Ora la colpa è dei servizi sociali che gli hanno tolto i figli. Ma sbaglio o glieli hanno tolti proprio per la sua indole violenta e la “borraccia” facile.
    MA SIAMO SERI SU!!!!