IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Studio sul turismo savonese, Cappelluto (Upa): “Tavolo permanente e agevolazioni” (foto) foto

Savona. E’ stato presentato questa mattina presso la sede dell’Unione Industriali di Savona uno studio commissionato dall’Unione Provinciale Albergatori all’Università di Genova, con al centro la misurazione del peso industriale dell’economia turistica nel Savonese. Il dato principale che emerge dall’indagine è che la presenza dei soli alberghi e residence determina il 9,4% del Pil provinciale.

“E’ la dimostrazione dell’importanza a livello industriale dell’economia turistica e alberghiera per la nostra provincia” ha sottolineato Franca Cappelluto, presidente dell’Upa. Per questo motivo, con questo studio e alla luce delle oggettive difficoltà che sta incontrando il comparto turistico, la presidente dell’Unione Provinciale Albergatori ha rivolto un chiaro appello a tutte le istituzioni: “E’ evidente che per uscire da una situazione difficile e per tutelare il valore produttivo e occupazionale del settore servono nuove misure e nuove azioni di sostegno, tanto a livello nazionale quanto a livello locale”.

Il riferimento è ai vari aspetti di tassazione, oltre che normativi, che secondo gli albergatori savonesi continuano ad alimentare i gap del nostro territorio rispetto ai principali competitors. Franca Cappelluto, rivolgendosi al presidente della Provincia presente all’evento, ha chiesto un tavolo permanente sul turismo per sviluppare assieme le misure necessarie di valorizzazione “industriale” del comparto alberghiero e del settore turistico. Le richieste che fa la categoria sul fronte dell’alleggerimento fiscale riguardano Tia, Tarsu e 4 per mille sull’Ici. Inoltre, il tavolo sarebbe il punto di confronto per capire le nuove tendenze e catturare nuove fette di mercato, in particolare sotto l’aspetto del turismo invernale.

Puntuale è arrivata la risposta di Angelo Vaccarezza, che detiene la delega provinciale al turismo: “Accolgo con piacere l’invito della presidente degli albergatori, soprattutto alla luce di questa nuova indagine che dimostra ancora una volta il ruolo cruciale dell’economia turistica nella principale provincia ad attrattiva turistica della Liguria. Dalle aliquote Ici per la seconda casa, sino alle altre imposizioni fiscali, penso che a livello governativo si debbano trovare soluzioni più vicine alle esigenze delle categorie per preservare un settore che non ha cassa integrazione o misure di ammortizzatori sociali, in particolare se si vuole proseguire sulla strada di un turismo tutto l’anno, per il quale servono alberghi e strutture aperte, nonché funzionali, alle esigenze del turista”.

Franca Cappelluto ha anche confermato i colloqui con Angelo Berlangieri, assessore regionale al turismo, sulla classificazione alberghiera. “E’ in deroga per un anno – ricorda la rappresentante dell’Upa – Siamo proficuamente in contatto con la Regione, che si mostra disponibile. Sono state accolte le nostre richieste di modifica alla legge Ruggeri”.

Tra i dati significativi resi noti dall’indagine (condotta su 22 Comuni con riferimento all’anno 2009), emerge il fatto che dentro agli alberghi sono stati spesi 241 milioni di euro, fuori 356 milioni. Si tratta di cifre che evidenziano il peso economico che le singole strutture alberghiere hanno sull’intero territorio. A questo proposito, Vaccarezza ha sottolineato “l’importanza del turista nel nostro tessuto territoriale, per il quale i Comuni devono giocoforza sviluppare servizi e attività, che altrimenti non sarebbero spronati a realizzare e che vanno a beneficio anche dei cittadini residenti”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. sampei29
    Scritto da sampei29

    lui la plume,
    mi sembra alquanto semplicistico il tuo ragionamento.
    Ti faccio un esempio, io vivo in una frazione in cui per ogni macchina ci sono almeno due parcheggi: dovrei fare un box interrato per non pagare la tua tanto agognata “tassa di sosta? Oppure a spese dei contribuenti si dovrebbero fare dei parcheggi interrati inutili?
    Se no, come si decide dove si applica questa tassa e dove no?
    Il tuo rimedio mi sembra semplicistico e utopico, come molto spesso ti capita…

  2. lui la plume
    Scritto da lui la plume

    Io sono un turista girovago …… posso? …..

    Ovunque mi trovo …. appena posso prendo la mia vettura e mi avvio … quando trovo un villaggetto mi fermo e lo percorro alla ricerca di qualcosa di interessante.

    Da pensionato … lo faccio in periodi ed in orari in cui questa possibilita’ esiste …… non ho la pretesa di trovar posto quando si spostano masse enormi di turisti con impegni lavorativi …. scelgo i periodi di bassa stagione …. periodi spesso splendidi.

    Mi sposto e spendo ……

    La Liguria risulta ostile a questo tipo di turismo che necessita di posti auto, di parcheggi ovunque …. della possibilita’ del famoso parcheggio con disco orario che con i suoi novanta minuti consente una passeggiata, un a visita al negozietto visto dall’auto, ….

    Niente ovunque parcheggi per residenti (che appena si spostano …. non sono piu’ residenti)

    I parcheggi per residenti sono un disastro per le arterie cittadine sono come quelle placche che nella circolazione sanguigna portano all’infarto.

    Per favorire il turismo vero
    (non tanto quello residenziale di chi parcheggia nel ox della seconda casa o nel parcheggio privato dell’albergo dal quale non si discosta piu’ per tutta la durata della sua vacanza)
    per favorirlo …. si vieti il parcheggio dei residenti …sotto casa … fornendo loro (a spese della comunita’) un adeguato e comodo parcheggio interrato ….. a scomparsa …. nelle vicinanze dell’abitazione.

    Magari i soldi per realizzare queste opere potrebbero saltar fuori da quella tassa di possesso della vettura …. tassa che un tempo si chiamava di circolazione ….. e che speravo qualcuno finisse con il cambiarle nome in “tassa di sosta” …. (che paga solo chi non dispone ed utilizza un box interrato di proprieta’) …. una tassa che si incrementa con il passar degli anni al fine di invogliare anche i piu’ recalcitranti a munirsi di un parcheggio privato (interrato …… se le vetture si vedono …. non vale)