IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Scontri al Picasso, Musso: “Valleggia estraneo”; gli ingauni: “Aggrediti da tifosi del Savona”

Quiliano. A sette giorni di distanza dal derby con la San Filippo Neri, costato in settimana una multa di 500 euro alla società per insulti razzisti ad un avversario e lancio di petardi, si torna a parlare dei sostenitori dell’Albingaunia.

Allo stadio Picasso di Quiliano, oggi pomeriggio, la squadra albenganese ha affrontato il Valleggia. La formazione bianconera era seguita da un gruppetto di tifosi che l’ha sostenuta durante l’intera sfida. La partita è terminata a reti inviolate. Sul rettangolo di gioco si è svolto tutto all’insegna della sportività e allo scadere dei novanta minuti l’arbitro Rizzello ha fischiato regolarmente la fine dell’incontro.

Sulle tribune, però, si sono vissuti momenti di gran confusione nei minuti finali dell’incontro e al termine dello stesso. Ci sono stati incidenti tra alcuni giovani: sono volati insulti, spintoni e c’è chi è venuto alle mani.

A ricostruire quanto accaduto è Fabio Musso, allenatore del Valleggia, che sottolinea la completa estraneità della propria società agli spiacevoli fatti: “Da testimone oculare posso dire che si è trattato di una vera e propria rissa tra gli ultras dell’Albingaunia che si sono trovati assaliti da un gruppo di non identificati entrati nella struttura sportiva nel tempo di recupero della partita. Questo sugli spalti dove erano presenti bambini, donne e tifosi”.

“L’increscioso fatto che ha lasciato tutti noi attoniti – prosegue Musso – non deve essere assolutamente accostato alla società Valleggia che ha l’orgoglio di rappresentare un modo sano e corretto di partecipare ad un campionato di calcio promuovendo valori e principi attraverso il comportamento dei propri tesserati”.

“Avrei voluto che la giornata di oggi – dichiara l’allenatore del Valleggia – fosse ricordata come un’ottima partita dei miei ragazzi cha hanno avuto la forza di bissare la partita dell’andata bloccando nuovamente la capolista. Purtroppo i fatti a fine partita hanno lasciato l’amaro in bocca ma non possono e non devono essere accostati al comportamento della società, dei giocatori né tantomeno dei pochi ma affezionati tifosi del Valleggia”.

La tifoseria dell’Albingaunia, su una propria pagina Facebook, chiama in ballo i tifosi del Savona. “Ci sono stati sul finire di gara alcuni scontri in tribuna tra un gruppetto di noi e una ventina di ultras del savona che hanno organizzato una bella imboscata da vigliacchi, colpendo in quattro o cinque alle spalle uno dei nostri – spiega un sostenitore bianconero -. L’imboscata è stata preparata bene perché oltretutto oggi eravamo veramente in pochi al seguito e con parecchi ragazzini”.

“Comunque – prosegue l’ultras dell’Albingaunia – chi ha partecipato agli scontri si è difeso con onore nonostante l’inferiorità numerica, anzi, addirittura uno di noi li ha inseguiti fin fuori sulla strada e un gruppo si è infilato in auto ed è scappato a tutta birra rischiando anche di investire il nostro compagno. In cinque o sei contro il doppio ci siamo difesi”. Sulla rete, nei siti più frequentati dai tifosi savonesi, non vi è parola su quanto accaduto a Quiliano.

Resta il fatto che, ad un paio di settimane dagli incidenti che avevano portato alla sospensione del match tra Sassello e Taggia, comportamenti violenti hanno nuovamente fatto da cornice ad una partita di livello dilettantistico. Le rigide regole imposte negli stadi dei professionisti staranno allontanando le “teste calde” che cercano scontri, ma non è da escludere il rischio che le persone più violente cerchino sfogo sulle tribune dei campetti di provincia, inevitabilmente meno controllati dalle forze dell’ordine.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.