IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Savona, le problematiche del comitato civico di Parco Doria arrivano in Regione

Savona. Il caso dell’area industriale di Parco Doria di Savona è arrivato in Consiglio Regionale. Nella seduta di martedì infatti è stata discussa l’interpellanza con risposta urgente presentata già nel mese di novembre 2010 dal Consigliere Regionale Maurizio Torterolo. L’iniziativa politica di Torterolo si pone in continuità con le inascoltate vibranti proteste degli abitanti della zona di Via Stalingrado che si sono anche costituiti in Comitato Civico di Controllo.

“Ho ritenuto necessario interpellare la Giunta Regionale – ricorda il Consigliere del Carroccio – per sapere se sono state rispettate le numerose prescrizioni poste dal Decreto Regionale di VIA che ha autorizzato l’inizio alla realizzazione delle opere e degli insediamenti nonché della nuova strada prevista a servizio delle medesime. Altresì ho interrogato l’Esecutivo Regionale in ordine all’esistenza di problemi di carattere ambientale, trattandosi di un’area industriale dismessa, a come questi sono stati affrontati e monitorati”.

“E’ innegabile – prosegue Torterolo – che, così come ho fatto più volte notare all’Assessore Regionale Briano, gli interventi eseguiti in accordo con I.P.S. vanno a creare una situazione di fortissimo disagio per i cittadini che abitano le zone prospicienti l’area dei nuovo insediamento. Ho personalmente visionato i luoghi è non nego di essere rimasto letteralmente a ‘bocca aperta’ dinnanzi all’altissimo muro edificato a pochi metri dalle abitazioni di chi, negli anni e con notevoli sacrifici economici, è riuscito a comperarsi un alloggio. Stiamo parlando perlopiù di onesti lavoratori o pensionati che dall’oggi al domani si sono visti costruire un’opera faraonica, con annessa rinnovata viabilità, davanti all’uscio di casa che non solo avrà un impatto negativo in termine di rumore delle attività che ivi verranno svolte ma che, indubbiamente, ha comportato un forte deprezzamento degli immobili della zona”.

“A ciò si aggiunga la problematica ambientale collegata alla bonifica del sito che innegabilmente preoccupa non poco gli abitanti della zona. La risposta dell’Assessore Regionale all’ambiente mi ha solo parzialmente soddisfatto, è vero che l’ente Regionale ha provveduto, attraverso quelli locali quali A.R.P.A.L. e Provincia in primis ad effettuare alcuni controlli ma questi non sono sufficienti a tranquillizzare me e le persone che vivono le aree interessate dai nuovi insediamenti. In particolare sto visionando la copiosa documentazione che mi è stata fornita in concomitanza con la risposta alla mia interrogazione e, certamente, una volta visionate le carte procederò con nuove azioni dirette a salvaguardare i diritti di chi, legittimamente, se li è conquistati con sacrifici e fatica” conclude Torterolo.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.