IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Savona, “Lavoratori portuali ‘sovversivi'”: ecco l’edizione aggiornata del libro

Più informazioni su

Savona. “Lavoratori portuali ‘sovversivi’ nelle carte della Regia Questura di Savona”. E’ questo il titolo del volume di Antonio Martino che racconta una categoria, quella dei lavoratori portuali, che è sempre stata politicamente attiva e di questo ne danno testimonianza le cronache dei quotidiani e le carte di polizia dell’epoca.

“Tra ‘800 e ‘900 troviamo l’anarchico Spinazzi Guglielmo, dal biennio rosso al regime fascista ancora gli anarchici Segatta Giuseppe e Parodi Isidoro Francesco, il sindacalista Rebagliati Giuseppe detto ‘Pippo’, al quale è stata dedicata la Compagnia Unica e la piazza omonima nei pressi della darsena. Nel 1928 una prima organizzazione sovversiva con Maffei Giuseppe, Capello Matteo, un altro Rebagliati Giuseppe, Scagliola Francesco veniva scoperta e arrestata perché voleva manifestare per il 1° Maggio” spiega l’autore.

“La nuova edizione aggiornata del libro ‘Lavoratori portuali sovversivi nelle carte della Regia Questura di Savona’ presenta la biografia di Piredda Francesco, che apparteneva all’organizzazione comunista clandestina attiva a Savona dal 1931. Di questo gruppo nella precedente edizione erano già stati biografati Dughetti Giovanni, Pugnetti Ernesto, Rebagliati Giuseppe, Perosino Giuseppe, Viale Giuseppe perché i loro documenti sono conservati a Savona presso l’Archivio di Stato. L’organizzazione, che aveva ramificazioni in tutte le realtà industriali di Savona e dintorni (Ilva, Servettaz-Basevi, Scarpa e Magnano, industrie di Vado, Ferrania), venne scoperta e scompaginata dalla polizia nel mese di maggio 1934 e molti dei suoi membri conferiti al Tribunale Speciale per la difesa dello Stato, oppure vennero inviati al confino” aggiunge Martino.

“Grazie alla consultazione dei documenti del Tribunale Speciale conservati a Roma presso l’Archivio Centrale dello Stato si è potuto completare le loro biografie e aggiungere quella del Piredda” conclude l’autore.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.