IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Regione, fumata nera per garante diritti infanzia: slitta nomina Susy De Martini

Regione. Fumata nera in consiglio regionale: la nomina di Susy De Martini a garante regionale dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza è stata rimandata alla prossima seduta, su richiesta (e protesta) dell’opposizione. “Sono convinto – ha dichiarato il capogruppo Pdl, Matteo Rosso riferendosi allo spreco di denaro – che il garante dell’infanzia sia una figura fondamentale ma abbiamo già un difensore civico, l’ex procuratore Lalla, che fino a qualche anno fa si occupava di questi temi”.

“Il garante dell’infanzia – ha sottolineato poi l’esponente Pdl – è un’ ulteriore figura che costerebbe duemila euro al mese più gli uffici ed un’altra serie di spese che riteniamo davvero eccessive. Il difensore civico c’é già ed è un magistrato di grande qualità che potrebbe occuparsi anche di queste questioni. Cerchiamo di tagliare tutte queste nomine, queste poltrone e questi incarichi che alla fine vengono pagate dai cittadini”.

Il presidente dell’Assemblea Rosario Monteleone ha ricordato che la figura del Garante è prevista da una legge nazionale, recepita da una regionale e che il provvedimento “è stato discusso dalla commissione nomine” senza che fossero avanzate obiezioni. 

 “In questo momento – ha replicato Rosso – la priorità è contenere le spese. Il curriculum è arrivato fuori sacco ed è necessario quantomeno un rinvio un rinvio di due settimane per meglio approfondire”.
Ha ribattuto Nino Miceli (Pd): “Questa proposta di nomina arriva in Consiglio dopo essere stata vagliata in commissione. Di questa figura si è discusso a lungo, abbiamo approvato una legge regionale proposta anche dalla minoranza. Condividiamo dunque questa candidatura”.

Per Gino Garibaldi (Pdl), invece,  “Non si fa quello che  è stato deciso in commissione”. Ha continuato Alessio Saso (Pdl): “Più che una scelta di alto profilo istituzionale – ha detto – a me sembra una campagna acquisti. Ci vorrebbe un mago per sapere quale sarà la prossima collocazione politica di Susy De Martini. Contesto la fretta e la scelta di una figura così politicizzata, poco calzante per chi dovrebbe difendere i diritti dei bambini. Noi non ci stiamo a questo inciucio”.

Edoardo Rixi (Lega Nord Liguria – Padania) ha detto: “Spiace divedersi proprio su questa figura, forse dovremmo darci un metodo e decidere che nessuno che abbia fatto politica possa poi candidarsi per rivestire ruoli di questo tipo. In questo modo i trombati alle elezioni non avrebbero più comode poltrone”.

Matteo Rossi (Sel) ha definito “Pretestuosa l’obiezione del Pdl sui costi: se la figura del Garante dell’infanzia serve, il discorso economico è secondario”. Per Aldo Siri (Liste civiche per Biasotti presidente): “Si tratta di una figura particolarmente importante e chi ricopre questa carica non dovrebbe avere appartenenza politica. Non credo siano gli atteggiamenti ondivaghi a condizionare il giudizio sulla De Martini. Il mio parere è positivo”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.